C’è il primo iscritto a due corsi di laurea diversi contemporaneamente. In seguito alla pubblicazione del decreto n.930 del 29 luglio 2022 da parte Ministro dell’università e della ricerca, è infatti possibile intraprendere il percorso della “doppia laurea“. E così, Gianluca Vitale, ha colto l’occasione e, oltre all’attuale iscrizione alla facoltà di Ingegneria informatica presso l’Università Mercatorum, presto comincerà il corso di laurea in Giurisprudenza presso l’università telematica Pegaso.

Vitale è un operatore informatico presso l’Esercito Italiano e, oltre a lavorare a tempo pieno, ha scelto di continuare a studiare per ampliare le proprie conoscenze: “La mia passione per l’informatica nasce da bambino e ho deciso di iscrivermi alla facoltà di ingegneria informatica, scegliendo l’Università Mercatorum che per me fa la differenza e mi permette di conciliare comodamente studio e lavoro. Quando ho saputo della doppia laurea, ho pensato subito di iscrivermi alla facoltà di Giurisprudenza che non riguarda specificamente il mio lavoro, ma mi interessa molto: questa possibilità mi permette di velocizzare il percorso e di studiare non solo argomenti riguardanti il settore informatico, ma anche di coltivare altre passioni per provare ad allargare il più possibile i miei orizzonti” ha spiegato Vitale. Il decreto, si ricorda, ha disciplinato le modalità per facilitare la contemporanea iscrizione degli studenti a due corsi di laurea, ma anche di laurea magistrale, di master, di dottorati di ricerca o di iter di specializzazione presso più università, scuole o istituti superiori a ordinamento speciale e che si differenzino per almeno due terzi delle attività formative.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aiuti bis, 8mila “docenti esperti” riceveranno 5.650 euro in più all’anno. Sindacati: “In centinaia di migliaia restano sottopagati”

next
Articolo Successivo

Non solo mascherine, la scuola ha rimosso il Covid: via l’organico dedicato, zero piani per i trasporti. L’aerazione? “Aprite le finestre”

next