di Mike

Sto seguendo con attenzione le mosse di Giuseppe Conte e del M5S in questi giorni, in merito all’incontro con Mario Draghi e alla lista di punti presentata al governo. A mio parere la posizione di Conte risulta per il momento quella corretta, in attesa di un casus belli politicamente e socialmente reale, su reddito di cittadinanza e/o salario minimo, tramite il quale trovare la via d’uscita dal governo. Chiaramente non avrebbe senso, come già ampiamente discusso da molti, andarsene per motivi “personali” (per quanto politicamente e istituzionalmente rilevanti), nonostante le sirene di Alessandro Di Battista, a mio modo di vedere piuttosto miopi e politicamente astratte. Ma la domanda che mi sto facendo in questi giorni è questa: è possibile che, in attesa di risposte da Draghi e dal governo, e successivi dibattiti tra i partiti e partitini di maggioranza, mentre Conte e M5S aspettano risposte per decidere che fare, all’improvviso con un colpo di teatro Matteo Salvini decida di lasciare lui per primo, andando a cercare di recuperare da destra e dall’opposizione un pacchetto di voti in vista delle prossime legislative?

Ossia, che probabilità esistono (se esistono) che Salvini possa tentare di andare all-in per mettersi all’opposizione in extremis, strizzando l’occhio all’elettorato scontento/deluso/arrabbiato, tentando in questo modo di inseguire la Meloni a destra e lasciando così al M5S il cerino in mano sulla tenuta del governo? Intendo dire, se la Lega lasciasse il governo prima del M5S, a quel punto veramente una ulteriore uscita del M5S provocherebbe la caduta di Draghi… e in quel modo la posizione di Conte non sarebbe più così indolore, almeno agli occhi di una certa opinione pubblica e dei media mainstream, e quindi molto più facilmente attaccabile… Anche da parte di eventuali e potenziali sostenitori, che potrebbero agevolmente accusare Conte di troppo attendismo.

In uno scenario del genere, se effettivamente plausibile e realizzabile, si pone quindi anche un “fattore tempo“, non soltanto internamente al M5S ma anche sull’intero panorama governativo e parlamentare, per capire chi per primo possa far “saltare il banco” cercando di recuperare voti il prossimo autunno. Insomma, un eventuale sorpasso a destra sarebbe una mossa molto azzardata da parte di Salvini, ma il soggetto potrebbe sicuramente esserne capace, ed in definitiva cosa avrebbe da perdere?… A mio parere, meno di quanto potrebbe perdere Conte a rimanere indietro.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dl Aiuti, ok della Camera alla fiducia: M5s a favore (tranne 28 assenti). Passa odg 5 stelle sul reddito, respinto quello contro l’inceneritore

next
Articolo Successivo

Priscilla Salerno, l’attrice porno nominata responsabile contro la violenza sulle donne del Nuovo Psi di Barani

next