di Roberto Zambelli

Da sempre ho pensato, e tuttora lo penso, che Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio (purtroppo ora non più tra noi) abbiano avuto alcune intuizioni della cui portata neppure si sono resi conto o di cui, i fatti sembrano confermarlo, hanno perso il senso. Ad esempio l’uso dei meetup ha avuto un effetto che definirei come il primo Metaverso della politica: i meetup erano diffusi sul territorio, dai meetup, spesso litigiosissimi tra di loro, nascevano due cose fondamentali quali la partecipazione diffusa dei cittadini e il loro coinvolgimento sui problemi dei territori e la successiva creazione di liste civiche che, ai diversi livelli, sono state accreditate e che poi hanno portato alla reale partecipazione dei cittadini alla vita amministrativa del paese fino alla percentuale del 32% alle Politiche del 2018.

Una cosa però ancora non è entrata nelle teste degli stessi eletti (per la maggioranza ora solo politici in carriera): i cittadini hanno votato il M5S per il sogno che era insito in alcuni concetti base quali, la trasparenza (chi l’ha più vista), l’onestà, i due mandati come concetto portante della politica come servizio e la partecipazione attiva come espressione fondamentale della democrazia insita nell’ “uno vale uno” che incide sulle scelte politiche. Ora il M5S è impantanato in quisquilie classico-politiche di basso livello da cui potrà uscire, e lo spero davvero, solo dandosi una struttura movimentista che a sua volta genera e sovrintende, in modo indipendente, la mano armata dei politici politicanti.

La messa a terra di una simile struttura richiede di poter disporre di strumenti informatici tipo social-community (perché no, anche in forma di Metaverso oggettivo su problemi reali) in cui ogni gruppo e ogni cittadino possa affrontare problemi specifici locali e/o globali molti dei quali potrebbero, ad esempio avere e fare riferimento sia ad una mappa territoriale (Google Maps per intenderci) di dislocazione dei problemi e delle soluzioni sia ad una mappa del Metaverso sui problemi globali che coinvolgono l’umanità intera.

Se il M5S avrà una visione di questo tipo e la metterà in campo ecco che avrà la possibilità di fare il bene del paese e dei cittadini oppure sarà destinato all’oblio e a trasformare in delusione e in assenteismo le residue pulsioni dei cittadini che ancora credono nella possibilità di reale partecipazione attiva date dal concetto dell’”UnoValeUno”.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando così parte attiva della nostra community. Tra i post inviati, Peter Gomez e la redazione selezioneranno e pubblicheranno quelli più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Diventare Sostenitore significa anche metterci la faccia, la firma o l’impegno: aderisci alle nostre campagne, pensate perché tu abbia un ruolo attivo! Se vuoi partecipare, al prezzo di “un cappuccino alla settimana” potrai anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione del giovedì – mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee – e accedere al Forum riservato dove discutere e interagire con la redazione. Scopri tutti i vantaggi!

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Speranza: “Con ripresa contagi possibile ricaduta su ospedalizzazioni, ma ora siamo più forti. Se servissero posti letto, pronti alla sfida”

next
Articolo Successivo

“Chi non salta comunista è…”, il sindaco di Sesto usa l’aula del Consiglio comunale per festeggiare la vittoria al ballottaggio. Pd: “Vergogna”

next