Mariagloria Fontana torna in libreria con una raccolta di interviste ad alcuni scrittori contemporanei, sono: Teresa Ciabatti, Roberto Cotroneo, Viola di Grado, Chiara Gamberale, Liza Ginzburg, Marco Missiroli, Andrea Pomella, Luca Ricci, Nadia Terranova, Emanuele Trevi. Escono direttamente dalla sua rubrica, un vero e proprio cammeo letterario, su Radio Radio, “Affari di libri”.

L’omonimo libro esce per Perrone editore e di questa opera resta intanto l’impronta dell’autrice, che ho la fortuna di conoscere un po’. Appena diventata mamma, bellissima, colta. Tiene il filo di una trama, che riguarda i narratori sempre al centro della scena, eppure è lei ad avere la meglio. Piccoli e delicati dettagli, che riconducono prima a lei e poi al resto delle parole pronunciate da altri. Proprio per la sua volontà dimessa di dare spazio all’altro, ascoltarlo. Altra perla preziosa, l’ascolto. Esempio di generosità, davvero rara; ma Mariagloria è fatta così, ama illuminare grandi nomi e anche nomi meno conosciuti, soltanto perché ne riconosce una qualche eccezionalità; figure determinanti di questi tempi, che rischiano sempre l’autoreferenzialità, spesso disonesta; il solito discorso delle conventicole che con Mariagloria non funziona, al contrario, giacché ama piuttosto sparigliarle.

Tra le interviste mi rimangono impresse quella a Teresa Ciabatti e Viola Di Grado. Le ho sentite autentiche, umili, Teresa Ciabatti, in special modo, che ammette senza censure, senza alcuna posa, i suoi limiti, le sue paure e con quale coraggio e capacità, escludendo l’ingombro dell’io che di solito è il primo connotato di uno scrittore, una qualità deteriore diciamo. E questo manca assolutamente in Teresa Ciabatti, penna eccellente, sceneggiatrice, candidata al Premio Strega, per ben due volte.

E poi c’è l’intervista a Viola Di Grado, geniale, aliena, con le sue asserzioni folgoranti, definitive, la sua idea di talento e di scrittura, fuori da ogni canone. Così spiega Mariagloria in prefazione la genesi del libro: “Dieci testimonianze del pensiero di dieci scrittori italiani del nostro tempo, condotte fuori onda, in onda, e poi riviste e integrate con successivi incontri, realizzati in più sessioni, magari davanti a un caffè. Non diversamente da altri esseri umani, anzi più degli altri, lo scrittore vuole essere ascoltato, non solo letto, e allora io li ho ascoltati e amati tutti”.

Colpisce l’intervista a Lisa Ginzburg inevitabilmente quando si sofferma sul peso di un cognome, su quel che può significare. Certo, un’eredità pesante, soprattutto quando l’eredità è anche la medesima vocazione. Scrive la Ginzburg: “Il solo modo per emanciparsi ho sempre pensato fosse diventare il più possibile me stessa. Quando sento di essere io, quando sento che il mio interlocutore ha la maturità e la libertà mentale di vedere me e non la mia famiglia d’origine, lì c’è emancipazione”. Tra le curiosità: Roberto Cotroneo che si confessa timido.
Vi auguro buona lettura, non vi deluderà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Peter Brook morto, gli allestimenti spregiudicati di Shakespeare e le urla del Re Lear: chi era il maestro del teatro che spezzò la convenzionalità

next
Articolo Successivo

“Torre Eiffel a rischio crollo, c’è troppa ruggine”: l’allerta del giornale Marianne. Ma la direzione: “Continuerà a stare in piedi”

next