Ai piedi della vetta più alta delle Dolomiti, tra il Veneto e il Trentino, il ghiacciaio della Marmolada è già ai primi di luglio in condizioni che normalmente si possono vedere a settembre, al termine della stagione estiva. Le scarse precipitazioni nevose dell’inverno e le temperature primaverili superiori alla media hanno provocato il parziale scioglimento del manto nevoso superficiale. Dalle immagini – girate sia dalla stazione intermedia di Serata a 3264 metri, sia dalla stazione più alta di Punta Rocca, a 3265 metri – si vede come in ampi settori il ghiaccio sia completamente scoperto, ed emergano zone rocciose e detritiche che ne diminuiscono il potere di riflessione della luce solare, accentuandone lo scioglimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jova beach party, perché il Wwf c’è: anche i grandi eventi possono diventare sostenibili

next
Articolo Successivo

Wiktoria Jedroszkowiak, l’attivista polacca che gira l’Europa per chiedere ai leader europei l’embargo su gas e petrolio russi

next