Amineh Kakabaveh è una parlamentare svedese di origini curde, arrivata dall’Iran come rifugiata perché parte di un movimento politico militare curdo. Oggi dice che il negoziato per l’ingresso della Svezia alla Nato si è incentrato sulla questione curda per la richiesta di Erdogan di estradare alcuni rifugiati curdi da Svezia e Finlandia per concedere il proprio sì alla loro entrata nell’alleanza. “La Svezia abbandona 200 anni di storia di libertà, pace e difesa delle minoranze”. Anche il suo nome era stato fatto da Istanbul per essere estradato “Tutti coloro che parlano della questione curda per la Turchia sono terroristi”. Dice ancora Kakabaveh. “Farò una richiesta per capire se l’accordo del governo è contro la nostra Costituzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, ambasciatore a Berlino imbarazza Kiev: “Il nazionalista Bandera non collaborò coi nazisti e non c’entra con l’Olocausto”

next
Articolo Successivo

Bielorussia annessa da Putin? Gli oppositori di Lukashenko: “Ci stanno occupando, versione soft di quanto potrebbe accadere in Ucraina”

next