Eh sì, siamo arrivati alla fine anche stavolta. Domeniche Bestiali va in ferie: le panze di centravanti di terza categoria si trasferiscono al mare, gli scarpini degli stopper tornano alla loro vocazione naturale di arare campi e falciare organismi vegetali e non più avversari. Ci congediamo salutando tutti gli amici che ci accompagnano durante il nostro bel cammino: i giocatori, i presidenti, i dirigenti, gli artisti delle linee, gli arbitri e i giudici sportivi, i lettori ovviamente e poi le nostre fonti. Ecco, proprio a una delle più importanti vogliamo dedicare la chiusura di questa stagione di bestialità: ce ne hanno regalate tante e vogliamo tributarli facendoli raccontare.

Parliamo della bella pagina Facebook “Calcio – Ultimi Romantici” che tra un’auto parcheggiata dietro la porta, tante linee storte e coltivazioni di cicorie ci ha regalato diverse chicche. Una pagina creata da Andrea Dezi: “Ho iniziato da solo, nel 2018, fino al 2021 quando sono entrati i miei due fratelli ed ora siamo un team di 6 persone”. Un altro po’ che si allargano, insomma, e possono metter giù una squadra: gli consigliamo di partire dalla seconda categoria piemontese, se non sbagliano i cucchiai. Un’idea che nasce proprio dal calcio giocato, però, come spiega Andrea: “Ero a casa, convalescente per un infortunio al crociato” (se è stato qualcuno dei nostri amici stopper non proviamo alcuna pietà per Andrea ndr) “E annoiandomi ho deciso di creare una pagina che in chiave romantica ma obiettiva, parlasse soltanto di calcio”.

A “Calcio – Ultimi Romantici” però la “ciccia” arriva dalle serie minori, dalle domeniche bestiali appunto: “Negli ultimi periodi siamo entrati negli spogliatoi di tutti i campi dilettantistici, ci hanno inviato foto in tutte le salse, dallo spogliatoio prepartita, alle esultanze con i tifosi-amici, il terzo tempo tra grigliate e birre. Sentire i loro ringraziamenti ed il loro calore ci ha dato la spinta in più per coinvolgerli ancora di più. Più foto pubblichiamo e più ne riceviamo, una cosa pazzesca. Tanto da averci spinto a creare uno scarpino totalmente nero, ricamato a mano (cosa c’è di più Romantico?), che è il premio per i più Romantici che partecipano e vincono i nostri contest”. Segnalazioni che ormai sono migliaia: “Arrivano dai tifosi: sono loro i veri Ultimi Romantici, da ogni parte d’Italia e non solo eh, ci arrivano cose anche dall’Europa e da mondi lontanissimi come Maldive o Perù”.

Quanto al post più bello pochi dubbi: “Il post per eccellenza, di cui abbiamo avuto risonanza anche sulla carta stampata di tutta Italia è sicuramente quella del vecchio stopper Cuccureddu, una semplice foto di un vecchio stopper che traccia le linee del campo ha spopolato in lungo ed in largo”. Ma ci sono tante altre chicche che ci hanno deliziato e che deliziano il pubblico, e la ricetta in epoca di fighettismi e lustrini è l’esatto contrario: “ Il video della Renault4 che “spiana” il campo di terra ci è piaciuto tantissimo. Difficile sceglierne uno, però i più belli sono quelli più semplici, che ci riportano a quelle mattine di Domenica, dove nebbia, freddo, campo in terra battuta e the caldo, ci fanno sorridere, con un briciolo di nostalgia”. Tutto vero: noi non torneremo quando nebbia e freddo la faranno da padroni, ma lasciamo che piedini tutt’altro che fatati lascino gli scarpini per indossare improbabili infradito…poi saremo di nuovo qui, tra mazzate, insulti, comunicati sgrammaticati e linee storte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romelu Lukaku torna a Milano: i tifosi dell’Inter lo accolgono scatenati sotto alla sede del Coni – Video

next
Articolo Successivo

Stefano Tacconi, il messaggio del figlio Andrea sui progressi del padre: “Ha fatto i primi passi, è stata un’emozione indescrivibile”

next