Quando gli agenti della Homeland Security Investigation, agenzia specializzata nei casi di traffico di esseri umani, hanno aperto il camion si sono trovati di fronte a un massacro. Forse uno dei più gravi della recente storia statunitense: 46 corpi senza vita. Sono tanti i cadaveri trovati e sedici le persone ferite tra cui anche quattro bambini e alcuni in condizioni critiche. La strage è avvenuta a San Antonio, in Texas, colpito in questi giorni da un caldo torrido e dove da giorni le temperature superano i 39 gradi. La scoperta è avvenuta perché una persona che si trovava sul posto è stata allertata da un urlo, una richiesta di aiuto poco prima delle 18 ora locale di lunedì come ha raccontato il capo della polizia, William McManus. Tra i 46 morti ci sono anche quattro bambini. Non sono note le nazionalità dei migranti né si sa da quanto tempo fossero abbandonati nel camion a lato strada.

Le indagini sono in corso e le autorità hanno arrestato tre persone considerate legate alla strage. Non è chiaro se fra queste ci sia l’autista del mezzo pesante, fuggito poco prima che il camion venisse scoperto. Il governatore del Texas, il repubblicano Greg Abbott – finito nel mirino delle polemiche dopo la strage della scuola elementare – attacca il presidente Joe Biden per la strage. “Queste morti sono le sue. Sono il risultato della sua politica mortale dei confini aperti e mostrano le conseguenze del suo rifiuto ad attuare la legge“, aprendo un nuovo fronte di scontro con la Casa Bianca dopo le armi e l’aborto. Il governatore repubblicano alleato di Donald Trump, di cui vuole completare il muro con il Messico, da tempo denuncia l’emergenza migranti nello stato: solo nell’ultimo mese 44.000 persone hanno attraversato il confine illegalmente fra Del Rio e Eagle Pass, le città di confine più vicino a San Antonio, da anni importante centro di passaggio per milioni di migranti.

“Ci sono 46 migranti morti a San Antonio. Signore abbi pietà di loro, speravano in una vita migliore. Dopo Uvalde ora questo, signore aiutaci”, afferma l’arcivescovo della città texana Gustavo Garcia-Siller facendo riferimento alla strage nella scuola elementare di Uvalde nelle ultime settimane. Parla di strage devastante Beto O’Rourke, il candidato democratico a governatore del Texas. O’Rourke chiede un’azione ampia per smantellare le reti di traffico di esseri umani e sostituirle con strade più ampie per l’immigrazione legale.
La strage di San Antonio è una delle peggiori della storia americana. Nel 2003 diciannove migranti furono trovati morti in un camion in Texas: l’autista del mezzo aveva chiesto 7.500 dollari a persona per il ‘passaggio’ e non aveva mai acceso l’aria condizionata tanto che all’interno del camion le temperature avevano superato i 70 gradi. Nel 2017 10 migranti sono stati trovati morti sempre in Texas a bordo di un camion in un parcheggio di Walmart.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa e Ue ancora senza un accordo e Google Analytics rischia lo stop. Il Garante per la privacy blocca l’invio dei dati negli Stati Uniti

next
Articolo Successivo

Ucraina, missile colpisce centro commerciale di Kremenchuk: ecco l’interno del supermercato sventrato – Video

next