È morto annegato nel pomeriggio del 25 giugno dopo esser stato risucchiato da un “rullo” d’acqua. Raul Demoliti, 22 anni, stava facendo il bagno insieme alla ragazza nel torrente Scoltenna, vicino il Ponte di Olina, a Pavullo (Modena). La vasca a valle della piccola cascata è una meta gettonata nei periodi estivi. Proprio in quel punto, il giovane è stato trascinato sul fondo da un “mulinello” – un vortice che in genere si forma quando i venti raggiungono velocità superiori ai 30 Km/h – che non gli ha dato modo di riemergere.

Stando al racconto dei testimoni, un signore si è immediatamente tuffato ma anche lui ha fatto faticato a restare a galla. “Eravamo presenti io, un mio amico e un’altra famiglia – ha raccontato uno di loro al Resto del Carlino – la vittima e la sua fidanzata stavano facendo il bagno sotto alla cascata, credo stessero giocando insieme. Da quanto ho capito, lei subito avrebbe pensato che il giovane stesse scherzando, ma poi ha iniziato a urlare dicendo che era sparito”. Il corpo del ragazzo è stato ritrovato dal nucleo sommozzatori di Bologna. “Una morte assurda a 22 anni, mai si penserebbe di morire, al sabato pomeriggio, mentre si fa il bagno al fiume. A nome di tutta l’Amministrazione, esprimo le più sincere condoglianze a famiglia, amici e conoscenti”, ha dichiarato Maria Costi, sindaca di Formigine, paese natio del ragazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prime fontane spente a Milano: lo stop per contrastare la crisi idrica. Il video da piazzale Cadorna

next
Articolo Successivo

Monta una piscina prefabbricata in un’aiuola pubblica: multata e denunciata a Napoli

next