Dopo lo stato di emergenza, fino al 30 settembre, dichiarato dalla Regione Lombardia per la “grave situazione di deficit idrico”, il sindaco di Milano, Beppe Sala, chiude tutte le fontane della città. Il primo cittadino ha firmato un’ordinanza che prevede una serie di misure emergenziali. Oltre alla chiusura di tutte le fontane “fatte salve quelle dove sia presente fauna e flora e i laghetti dei parchi cittadini”, il provvedimento ordina anche la sospensione dell’irrigazione a spruzzo dei prati e delle aree verdi, “eccetto l’irrigazione a goccia che interessa i nuovi impianti di alberi che devono essere preservati”. Rimarranno aperte, invece, le fontanelle cittadine “visto l’arrivo di una nuova ondata di calore”.

Chiudere le porte dei negozi – Oltre all’invito ai cittadini, come scrive lo stesso Sala sui suoi profili social, “a ridurre al minimo l’uso di acqua potabile sia di uso domestico che per irrigare prati, giardini privati e pulire terrazzi e cortili”, l’ordinanza raccomanda anche “di mantenere la temperatura di uffici, negozi, abitazioni a 26 gradi” per ridurre i consumi di energia e “quindi per abbassare il rischio di blackout“. In più tutti i negozi “dovranno tenere le porte chiuse anche in presenza di lame d’aria”. “L’emergenza siccità persiste e bisogna prendere provvedimenti“, ha commentato il sindaco di Milano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Milano, si spezza gru e cade su un operaio: muore in ospedale 24 ore dopo – Video

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 56.836 nuovi casi e 40 vittime, il tasso di positività scende al 21,8%. Si ferma la crescita dei ricoveri nelle terapie intensive

next