Marcell Jacobs vince i 100 metri ai campionati italiani a Rieti, con il tempo di 10″12 e un vento contrario di 0.9 m/s. Per il campione olimpico la prestazione è considerata ancora “frenata”, tanto che è stato lui stesso a dire di non essere soddisfatto del tempo, Alle sue spalle sul traguardo Chituru Ali, in un buon momento di forma, che chiude in 10″16, terzo Filippo Tortu in 10″24. Jacobs appare non in piena forma e ancora un pò arrugginito e dovrà accelerare la preparazione in vista dei Mondiali di Eugene, dove affronterà avversari che stanno correndo costantemente intorno, e anche sotto, ai 9″80.

“Cerco sempre di onorare il campionato italiano se le condizioni fisiche me lo consentono, oggi l’importante era tornare a gareggiare per trovare le sensazioni e in finale è già andata meglio che in batteria, peccato il vento contro, non sono molto soddisfatto del tempo“, ha detto Jacobs ai microfoni Rai. Preoccupato in vista dei Mondiali di Eugene, soprattutto visti i tempi degli americani? “Gli americani hanno fatto grandi tempi, ma Eugene è una pista veloce con tanto vento a favore, andremo lì e verificheremo com’è. In allenamento ho sempre dovuto fare tutto a basso ritmo e tornare ai ritmi alti non è facile, a Stoccolma spingeremo di più e vedremo come va. Siamo nell’ombra ma stiamo tornando”, ha concluso Jacobs.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mondiali di nuoto, Paltrinieri trionfa nei 1.500 stile: “Ero disposto a morire in vasca”. Altro oro storico nella 4X100 mista, Usa battuti

next
Articolo Successivo

Andrea Fuentes su Anita Alvarez: “Capita in molti sport, li vedete lì mentre corrono bum! Cadono privi di sensi… Solo che lei era in piscina, non respirava”

next