La strage di Capaci non è un capitolo chiuso. Dobbiamo ricordarlo perché noi dobbiamo entrare nella cabina elettorale come se fosse ogni giorno il 23 maggio”. Lo ha detto Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif, a margine della presentazione dell’agenda “Illegal” (edita da Paperfirst) al Salone del Libro di Torino. “Oggi rimane un problema morale se si guarda alle prossime elezioni a sindaco di Palermo. O andiamo a ricordare Falcone il 23 maggio o andiamo a votare gente indicata da persone condannate per reati legati alla mafia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Palermo, il ritorno di Cuffaro: in mille per la sua lista. L’aspirante sindaco Lagalla: “Ha commesso errori, ma no alla damnatio”

next
Articolo Successivo

Palermo si sveglia tappezzata di manifesti con le scritte: “Forza Mafia”, “Make mafia great again” e “Democrazia collusa”

next