Torna ad attaccare il presidente del Consiglio Mario Draghi, bollato come ‘ventriloquo e pappagallo di Washington“, nel giorno del bilaterale tra il premier e lo stesso presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. E si scaglia per il silenzio dell’Ue nelle trattative di pace in Ucraina. C’era pure l’ex deputato M5s Alessandro Di Battista alla Sala Umberto a Roma per la ‘lezione universitaria’ del professore di sociologia del terrorismo, Alessandro Orsini.

“Il dramma è che manca l’Europa. La Cina si sta rafforzando, pagheremo la scelta di spingere Mosca nelle braccia di Pechino. Gli americani fanno i propri interessi. E il continente che dovrebbe spingere di più per i negoziati dov’è?”, ha rivendicato Di Battista. Per poi affermare: “La posizione di Macron? Io non l’avrei votato fossi stato francese, ma quantomeno si è mostrato più saggio e più libero di Draghi”, ha concluso, commentando le parole del presidente francese secondo cui “la pace non si costruisce umiliando Mosca, no ai revanscismi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Mattarella: “Dai tanti magistrati assassinati lezione di comportamento e di interpretazione di questo ruolo”

next