Sono arrivati a bordo di una moto d’acqua. Panama in testa e pistole in mano. Lo hanno ucciso mentre passeggiava sulla spiaggia di Baru, a sud della città colombiana di Cartagena, Marcello Pecci, procuratore antimafia del Paraguay, uno dei maggiori nemici dei cartelli del narcotraffico e recentemente in prima fila per ricostruire anche l’infiltrazione della ‘ndrangheta nei traffici illeciti del Paese sudamericano. Lo hanno ucciso mentre era in luna di miele con sua moglie, la giornalista Claudia Aguilera, accanto a lui sulla sabbia del resort quando il commando è arrivato dal mare.

Il suo ultimo post sui social media, ore prima dell’attacco, era una foto di entrambi con un paio di scarpe da bambino insieme al messaggio: “Il miglior regalo di nozze… la vita che si avvicina che è una testimonianza dell’amore più dolce”. L’agguato, che ha causato almeno quattro feriti, è considerato opera di sicari e connesso al traffico di droga. Le autorità di Colombia e Paraguay hanno già avviato un’indagine per scoprire chi è il responsabile dell’omicidio di Pecci, origini italiane, e hanno chiesto il supporto di funzionari statunitensi per chiarire i fatti. Il direttore della polizia nazionale colombiana, Jorge Vargas, ha annunciato di aver elevato a due miliardi di pesos – oltre 460.000 euro – la taglia che sarà versata a chi offrirà informazioni utili a catturare i killer del pm antidroga. Vargas ha anche precisato che la polizia dispone dell’identikit di uno dei sicari: alto circa 1,74 metri, aveva un accento caraibico non colombiano e portava un cappello tipo Panama.

Pecci stava indagando su diversi “casi di alto profilo in Paraguay”, tra cui una sparatoria a un concerto a gennaio in cui sono stati uccisi un presunto trafficante di droga e la moglie di un calciatore. In passato si era occupato anche del caso relativo all’ex calciatore Ronaldinho, che fu fermato in Paraguay perché trovato in possesso di un passaporto falso. Il presidente del Paraguay Mario Abdo Benitez ha parlato “vile omicidio” del pubblico ministero e ha inviato un messaggio di cordoglio ai suoi parenti su Twitter. Ha promesso di raddoppiare gli sforzi del Paraguay contro la criminalità organizzata. Il Paraguay è il più grande produttore di marijuana del Sud America. La coltivazione della pianta è ancora illegale in quel paese e gran parte del raccolto viene contrabbandato in Argentina e Brasile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra Russia-Ucraina, Kiev: “Abbiamo affondato la nave da parata di Putin”. E il ministero della Difesa diffonde il video

next
Articolo Successivo

Shireen Abu Aqleh, la salma della giornalista uccisa arriva nella redazione di Al Jazeera a Ramallah – Video

next