Circa 50 attivisti di Amnesty international Italia hanno manifestato oggi a Roma, nei pressi dell’ambasciata, contro la repressione del dissenso da parte in Russia. Al presidio molti giovani si sono presentati con un nastro nero sulla bocca e dei cartelli di protesta. “Oltre 15mila persone sono state arrestate in Russia dall’inizio della guerra in Ucraina – spiega il portavoce di Amnesty Italia Riccardo Noury – Alcune sono state arrestate anche solo per aver manifestato con un cartello bianco. C’è una legislatura di guerra in Russia, leggi esistenti che sono state inasprite e nuove leggi come quelle che puniscono per la diffamazione delle forze armate. Dei dissidenti russi non interessa molto a nessuno anche se sono persone coraggiose che rischiano fino a 15 anni di carcere per aver detto no alla guerra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Israele, attacco terroristico a Elad: tre morti. La polizia: “Ci sono due aggressori in fuga”

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, attacchi e sabotaggi sul fronte russo. “Ecco perché si concentrano su Belgorod. Ma la resistenza può dilagare”

next