Lo studio è pubblicato sull’American Journal of Case Report. La storia, riportata tra gli altri dall’Independent, è quella di un 35enne che si è presentato al Bronx Care Hospital Center dove è stato preso in cura dal dottor Haider Ghazanfar. L’uomo è arrivato al pronto soccorso con il pene in condizioni disperate: nero, gonfio, con evidenti ulcere cutanee, il tutto accompagnato da un odore nauseabondo. Il motivo? Si era iniettato cocaina nella vena dorsale del pene. Consumatore abituale di quella che il dottor Ghazanfar ha definito “tra le droghe più pericolose” per l’alto grado di dipendenza, il 35enne ha detto ai medici di aver già fatto questa ‘operazione’ due volte, senza conseguenze. In questo caso le conseguenze ci sono state eccome, anche perché, sempre stando a quanto riportato nel ‘caso’, la cocaina in Usa è spesso tagliata con il levamisolo che provoca un’infiammazione dei vasi sanguigni. L’uomo ha rifiutato un intervento chirurgico: è stato così curato con antibiotici per via edovenosa per cinque giorni e poi ancora con antibiotici per bocca. Il dottor Ghazanfar ha spiegato che le condizioni dell’uomo erano molto migliorate ma non è dato sapere come stia oggi: il 35enne ha infatti rifiutato la terapia di riabilitazione e ha firmato il foglio di dimissioni dall’ospedale, senza farsi più vedere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pitbull azzanna bimba di un anno, la madre lo pugnala a morte: “Tra il cane e mia figlia, ho scelto mia figlia”

next