Anche in Italia continua la fiammata dei prezzi, complici i rincari dell’energia ora alimentati anche dalla guerra in Ucraina. A marzo, comunica l’Istat, l’inflazione ha accelerato per il nono mese consecutivo, raggiungendo un livello del 6,7% che non si registrava da luglio 1991. In Germania l’indice ha toccato nello stesso mese quota 7,3%, ai massimi dal 1981, mentre in Spagna si è registrato un +9,8%, il balzo maggiore dal 1985.

Sono ancora una volta i prezzi dei beni energetici non regolamentati a sostenere l’ulteriore ascesa, ma le tensioni inflazionistiche continuano a diffondersi con la crescita dei prezzi del “carrello della spesa” che accelera di quasi un punto percentuale, a +5%. Resta invece stabile (+1,8%) la dinamica annua dei prezzi dei servizi, mentre i beni registrano ormai una crescita a due cifre (+10,2%). Accelerano sia i prezzi degli alimentari e dei prodotti per la cura della casa e della persona (da +4,1% a +5%) sia quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +5,3% a +6,9%).

L’inflazione acquisita per il 2022 è pari a +5,3% per l’indice generale e a +1,6% per la componente di fondo. L’indice armonizzato dei prezzi al consumo aumenta del 2,6% su base mensile, prevalentemente per effetto della fine dei saldi invernali, e del 7% su base annua (da +6,2% di febbraio). Tornando al dettaglio delle dinamiche inflazionistiche, la crescita dei beni energetici passa da +45,9% di febbraio a +52,9%, i beni alimentari lavorati da +3,1% a +4% e quelli non lavorati da +6,9% a +8% e quelli dei beni durevoli da +1,2% a +1,9%. I servizi relativi ai trasporti, invece, registrano un rallentamento (da +1,4% a +1%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primi effetti del conflitto sui prezzi al consumo. L’inflazione spagnola balza al 9,8%

next
Articolo Successivo

Ufficio di bilancio: “Rivedere catasto, favorisce i più ricchi”. E conferma che assegno unico e riforma Irpef avvantaggiano di più i redditi alti

next