Nei giorni seguiti all’invasione russa dell’Ucraina sono stati raccontati l’avanzata incontrastata in Donbass, i lenti progressi russi a Kiev, i bombardamenti a tappeto su Kharkiv e l’assedio di Mariupol. Ma un altro fronte che può diventare determinante per le mire espansionistiche del Cremlino e per il futuro del Paese di Volodymyr Zelensky è quello di Odessa. Mentre ieri erano circolate le immagini televisive di un briefing con il presidente bielorusso, Aleksandr Lukashenko, in cui sembrava emergere la volontà di Mosca di creare un canale di collegamento territoriale tra la Crimea e la Transnistria, lingua di terra che separa la Moldavia dall’Ucraina autoproclamatasi indipendente e legata al Cremlino, oggi fonti dell’intelligence americana sembrano confermare le impressioni, visto che, citate dalla tv spagnola Rtve, sostengono che in Crimea ci siano già diverse navi militari in attesa dell’arrivo delle truppe di terra per lanciare l’attacco navale alla città sul Mar Nero, provocando l’allarme anche in Moldavia.

Secondo le stesse fonti, ai cittadini di Odessa è già stato chiesto di recarsi nei rifugi per il rischio imminente di un attacco. Un allarme lanciato dopo l’avvistamento di quattro grandi navi da guerra russe e tre motoscafi armati di missili, ha precisato lo stato maggiore dell’esercito ucraino citato dal giornale spagnolo Abc. Tali movimenti, secondo il dipartimento militare ucraino, indicano che la Russia lancerà presto un attacco con l’obiettivo di impadronirsi di Odessa.

Le informazioni diffuse dalle fonti americane e ucraine arrivano a sostenere le ipotesi emerse nella giornata di mercoledì, quando il briefing di Lukashenko con i membri del suo governo e i generali bielorussi ha scatenato l’allarme in Moldavia, con alcuni media che hanno indicato il Paese potrebbe come possibile prossimo obiettivo delle truppe di Mosca, parte di una manovra di accerchiamento intorno all’Ucraina che prevedrebbe anche l’annessione della Transnistria. Nelle riprese, diffuse dal servizio stampa dello stesso Lukashenko attraverso Telegram, si vede il presidente mostrare una mappa dell’Ucraina divisa in quattro settori per spiegare il ruolo svolto finora da Minsk nel conflitto. Nella stessa mappa, secondo alcuni analisti, si vedono truppe russe che si muovono verso la Moldavia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il videomessaggio del ministro Reznikov ai cittadini ucraini: “Tutti voi siete eroi. Nessuno avrebbe mai immaginato una resistenza così lunga”

next
Articolo Successivo

Guerra Russia-Ucraina, lo sfogo di Yarmolenko contro calciatori di Mosca: “Nel mio Paese uccidono madri e figli, perché non dite niente?”

next