“Il presidente russo Vladimir Putin ha violato la sovranità dell’Ucraina, ha mandato le truppe, ha violato il diritto internazionale, ha ripudiato gli accordi di Minsk e ha stracciato l’intesa di Budapest del 1994. Ha detto che l’integrità territoriale dell’Ucraina sarebbe stata rispettata, ha completamente violato il diritto internazionale”. Così il primo ministro britannico Boris Johnson al termine della riunione straordinaria del comitato Cobra. Per questo “istituiremo immediatamente un pacchetto di sanzioni economiche, penso che la gente se lo aspetti. Prenderemo di mira non solo gli enti in Donbass, a Lugansk e a Donetsk, ma quelli della Russia stessa colpendo gli interessi economici russi il più duramente possibile. Questa è solo la prima raffica di sanzioni contro la Russia perché ci aspettiamo, temo, un comportamento da parte della Russia ancora più irrazionale”. Secondo Johnson “tutte le prove” indicano che “Putin è incline a un’invasione su larga scala dell’Ucraina” arrivando così alla “sottomissione di un Paese europeo indipendente e sovrano”. Un’azione, secondo il primo ministro, “assolutamente catastrofica”. Quindi, ha concluso, “è assolutamente fondamentale che questo sforzo, questa conquista di un altro Paese europeo, non abbia successo e che Putin fallisca“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, la mossa di Putin punta a sgretolare la Nato. L’Alleanza ora è costretta a rispondere, ma resta divisa sulle sanzioni

next
Articolo Successivo

L’Ucraina esiste da prima di Lenin, ma qui l’Urss non c’entra: Putin allude ad altro

next