Il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha riferito che la Germania ha adottato misure per interrompere il processo di certificazione del gasdotto Nord Stream 2. La mossa, ha riferito il cancelliere ai giornalisti questa mattina a Berlino, arriva come risposta del suo governo dopo le azioni di Mosca in Ucraina. “Sembra tecnico, ma è il passaggio amministrativo necessario” ha spiegato sottolineando che con questo stop procedurale “non può esserci alcuna certificazione del gasdotto. E senza questa certificazione, Nord Stream 2 non può entrare in funzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, il quotidiano statunitense Wall Street Journal contro il governo Draghi: “Esita nel momento sbagliato”

next
Articolo Successivo

Ucraina, la mossa di Putin punta a sgretolare la Nato. L’Alleanza ora è costretta a rispondere, ma resta divisa sulle sanzioni

next