Da venerdì 11 febbraio in tutta Italia non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto. L’annuncio è del sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, che all’Ansa ha confermato l’arrivo di un provvedimento firmato dal ministero guidato da Roberto Speranza “per togliere le mascherine all’aperto su tutto il territorio nazionale senza distinzione di colore per le Regioni a partire dall’11 di febbraio“.

“Questo è un segno di speranza per tutti gli italiani”, ha aggiunto Costa. Questa mattina il sottosegretario aveva spiegato che l’obbligo sarebbe caduto inizialmente solo nelle Regione che si trovano in zona bianca: “Subito dopo sarà l’occasione per decidere se toglierle anche in zona gialla e arancione con un provvedimento del Ministero condiviso con il Cts”, aveva spiegato il sottosegretario. Passata qualche ora, è arrivato il nuovo annuncio di un provvedimento valido su tutto il territorio italiano. D’altronde, il 10 febbraio scadrà anche la norma che prevede la chiusura delle discoteche.

La decisione, per ora solo annunciata, è l’ennesimo segnale di allentamento che arriva dal governo, dopo che anche i dati dell’ultima settimana hanno certificato un calo dei contagi e la discesa dei ricoverati e dei posti letto occupati da pazienti Covid in terapia intensiva. Resta da ricordare, però, che negli ultimi 7 giorni (31 gennaio-6 febbraio) ci sono stati anche 2.622 decessi. Eppure l’esecutivo è convinto che l’ondata di Omicron sia ormai alle spalle e non ci sia il rischio di una recrudescenza dei contagi. Il premier Mario Draghi ha infatti annunciato a inizio febbraio che stilerà “un calendario per superare le restrizioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, festa in strada dei tifosi per la vittoria del Senegal: auto della polizia accerchiata e presa a calci

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 41.247 nuovi casi, mai così pochi dal 27 dicembre. Altri 326 morti. Tornano sotto i 2 milioni gli attualmente positivi

next