Dopo due anni le porte del Teatro Ariston si sono riaperte e non solo per il pubblico che vedrà le cinque serate del Festival, ma anche per la stampa e noi di FqMagazine abbiamo ascoltato le 25 canzoni con gli artisti sul palco accompagnati dall’orchestra. Una prova generale speciale per gli addetti ai lavori e per i Big della kermesse che già pregustano la presenza al 100% del pubblico in sala. Da segnalare Massimo Ranieri che ha strappato gli applausi per la sua grande classe e per la potenza della sua voce adagiata sulla grande orchestra. Applausi anche per Noemi mentre La Rappresentante di Lista punta al podio, grazie ad una esibizione accattivante che rapirà anche il pubblico televisivo. Achille Lauro perfomer perfetto, Rkomi l’anima rock che spettina il Festival, Emma e Irama ci mettono il cuore. Brividi, nel vero senso della parola, per Mahmood e Blanco. Una piccola curiosità: Beppe Vessicchio, assente alle prove de Le Vibrazioni, è stato sostituito momentaneamente dal Maestro de Amicis.

MASSIMO RANIERI – “LETTERA DI LÀ DEL MARE”
La classe e l’eleganza di Massimo Ranieri non si smentiscono e con l’orchestra il brano è un crescendo in continuo che accarezza la potenza vocale del grande artista. Voto: 8

NOEMI – “TI AMO NON LO SO DIRE”
Noemi sfodera un’altro animo della sua personalità artistica e fa centro con un brano che la valorizza dal punto di vista vocale (non facile eseguirla) che per l’arrangiamento. Voto 7

LA RAPPRESENTANTE DI LISTA – “CIAO CIAO”
Avere un palco a disposizione e saperlo usare tutto, senza tralasciare nulla al caso. Attenzione a La Rappresentante Di Lista con la mini coreografia (già pronta per TikTok) sul ritornello irresistibile. Occhio al podio Voto 7/8

YUMAN – “ORA E QUI”
Il vincitore di Sanremo Giovani con una delle canzoni più “old” del Festival. Peccato, la voce c’è il coraggio meno. Voto 4

GIANNI MORANDI – “APRI TUTTE LE PORTE”
Spensierato, felice e allegro di esserci. Tutte sensazioni che trasmette anche sul palco. Il resto passa in secondo piano. Voto: senza voto perché Gianni non si tocca mai

GIUSY FERRERI – “MIELE”
Un grammofono, un megafono e uno stile un po’ Anni 50 per Giusy Ferreri che mostra il suo lato più vintage per una canzone che le radio sposeranno Voto 6

DARGEN D’AMICO – “DOVE SI BALLA”
Una boccata di aria fresca per un brano che apparentemente sembra spensierato, ma che contiene anche cenni di attualità. Forse il brano più radiofonico del Festival e Dargen tiene bene il palco Voto 7/8

ACHILLE LAURO FEAT HARLEM GOSPEL CHOIR- “DOMENICA”
Il miglior performer sul palco rimane lui Voto 8

RKOMI – “INSUPERABILE”
La vera anima rock di questo Festival con un riff conturbante. Uno dei brani più belli del Festival Voto 9

MAHMOOD E BLANCO – “BRIVIDI”
Favoriti erano e favoriti rimangono. Esibizione da brividi e grande feeling Voto 10

MICHELE BRAVI – “INVERNO DEI FIORI”
Sembra un attore in un teatro magico. Michele bravi non sfigura e porta a casa una bella esibizione Voto 7

ANA MENA – “DUECENTOMILA ORE”
Una canzone fuori dal tempo e pure dall’Ariston Voto 3

EMMA MARRONE – “OGNI VOLTA È COSÌ”
Splende sul palco, gioca con le telecamere e canta benissimo la sua canzone assai difficile. Durante la prova il microfono si spegne, lei non si ferma, prende un altro microfono e termina la canzone. Professionista, come sempre Voto 8

IRAMA – “OVUNQUE SARAI”
Una poesia per chi non c’è più e Irama ci mette tutto il suo cuore e convince Voto 8

ELISA – “O FORSE SEI TU”
E poi arriva lei, fuori gara. Eterea in bianco. Voto 8

GIOVANNI TRUPPI – “TUO PADRE, MIA MADRE, LUCIA”
Non una canzone da Festival, un mondo a parte. Non per tutti Voto 5

SANGIOVANNI – “FARFALLE”
Una canzone che sarà super trasmessa in radio. Un inciso che rimane in testa. Sangiovanni fresco e leggero sul palco. Buona la prima Voto 7

LE VIBRAZIONI – “TANTISSIMO”
La voce di Francesco Sarcina è una delle più belle del rock italiano e anche stavolta non si smentisce al servizio di un brano leggero e di sicura presa Voto 7

DITONELLAPIAGA E DONATELLA RETTORE – “CHIMICA”
Divertenti e spensierate, due generazioni a confronto e c’è chimica Voto 7

IVA ZANICCHI – “VOGLIO AMARTI”
La diva di questo Festival. Il vero momento cult è al termine della canzone, quando Iva viene accolta tra gli applausi da Fiorello, appena entrato in platea del Teatro per assistere alle prove. La cantante entusiasta: “Amoreee vieni che ti racconto una barzelletta, anzi (rivolta all’orchestra, ndr) fatemi cantare una canzone con quest’uomo”. Unica Voto 7

HIGHSNOB E HU – “ABBI CURA DI TE”
La strana coppia di questo Festival. Una canzone così così Voto 5

FABRIZIO MORO – “SEI TU”
Una bella ballad per uno degli artisti più bravi che abbiamo in Italia. Moro fa una bella figura sul palco dell’Ariston. Se si fosse presentato in un altro anno avrebbe agguantato il podio a occhi chiusi, ma la concorrenza è tanta Voto 7

AKA7EVEN – “PERFETTA COSÌ”
Sicuro sul palco e sciolto, come non fosse la sua prima volta. Una bella performance Voto 7

TANANAI – “SESSO OCCASIONALE”
Una canzoncina onesta, sincera, estiva Voto 6

MATTEO ROMANO – “VIRALE”
Una canzone scritta e arrangiata bene per Matteo Romano che fa una bella figura al suo esordio nel passaggio da Giovani a Big Voto 7

Articolo Precedente

Sanremo 2022, i testi dei brani: Aka7even ‘baccalà’ adorante, Zannicchi azzarda, Ranieri vinse ‘perdendo l’amore’ e oggi…

next
Articolo Successivo

I Maneskin spaccano, inutile negarlo, ma il sistema non c’entra nulla con la musica

next