Una farmacia di Renate, in provincia di Monza, è stata sequestrata dai carabinieri per tamponi e prelievi falsificati. Denunciati i titolari, fratello e sorella che, secondo le indagini, fingevano di inviare in laboratorio i campioni di test molecolari per il Covid, anche finalizzati alla ricerca di marcatori tumorali, nonostante non avvenisse nulla di tutto questo. I due gestori, di 44 e 42 anni, erano già stati sospesi dall’ordine dei farmacisti per non aver assolto all’obbligo vaccinale e la farmacia era già stato chiusa per mancanza di requisiti sanitari lo scorso dicembre. La titolare, nell’occasione, aveva continuato a lavorare, pur non potendo, ed era stata denunciata per esercizio abusivo della professione. I due hanno anche minacciato e insultato i carabinieri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fingevano di somministrare il vaccino in cambio di soldi, arrestati un infermiere e un operatore socio sanitario

next