L’hanno chiamata la “storia gemella” di quella di Patrick Zaki: entrambi studenti presso università europee, entrambi arrestati (rispettivamente nel febbraio 2020 e nel febbraio 2021) una volta rientrati in Egitto per trascorrere qualche giorno con le famiglie, entrambi indagati per reati inesistenti legati alla loro attività di ricerca, entrambi rinviati a giudizio. Ma se Patrick Zaki è stato posto in libertà provvisoria dopo 22 mesi di carcere e attende la prossima udienza, il 1° febbraio, del processo che lo vede imputato di “diffusione di notizie false”, ad Ahmed Samir Santawy, studente presso l’Università centrale europea di Vienna, è andata persino peggio.

Dopo cinque giorni di sparizione forzata dal momento dell’arresto, il 6 febbraio 2021 è comparso di fronte alla Procura suprema per la sicurezza dello stato ed è stato interrogato su fatti di terrorismo, sulla base di indagini segrete condotte dall’Agenzia per la sicurezza nazionale i cui atti non sono mai stati esaminati dai suoi avvocati. Da allora, per questa inchiesta, è stato posto in detenzione preventiva.

Poi, il 22 maggio, la Procura ha aperto una nuova inchiesta su presunti post pubblicati sui social e ha ordinato il suo rinvio a giudizio con l’accusa di “diffusione di notizie false allo scopo di minacciare lo stato, gli interessi nazionali e l’ordine pubblico e di seminare panico tra la popolazione”. Il 22 giugno Ahmed Samir Santawy è stato condannato a quattro anni di carcere da un tribunale d’emergenza, di quelli che non prevedono appello. È attualmente detenuto nel noto e famigerato carcere di Tora, in isolamento.

C’è una storia che precede quella di Patrick e quella di Ahmed: nel marzo 2018 Walid Salem, dottore di ricerca presso l’Università di Washington, era stato arrestato al rientro in Egitto. Liberato un anno dopo, tuttora non riesce a riavere il passaporto e dunque non è in grado di riprendere gli studi.

Perché fa così paura all’Egitto l’attività accademica all’estero dei suoi ragazzi?

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, la Nato invia navi e aerei in Europa dell’est. Il Pentagono mette in ‘stato di allerta’ 8.500 soldati. Via il personale Usa e inglese

next
Articolo Successivo

Colpo di Stato in Burkina Faso, militari hanno arrestato il presidente Kaboré: “Abbiamo preso il potere”

next