“Sono 11 le squadre dei Nas (Nuclei antisofisticazione e sanità, ndr) impegnate nei controlli a campione su farmacie e punti tamponi in tutto il Nord Italia, e sono tenute a controllare l’identità delle persone che si sottopongono al test, essendo un trattamento sanitario che si conclude con un referto”. A dirlo al giornale Radio Rai è il comandante del gruppo tutela della salute dei Carabinieri di Milano, Salvatore Pignatelli. “Abbiamo constatato – riporta – che a volte per questioni di rapidità non veniva riscontrata l’identità della persona, e questo si prestava ad abusi: c’era chi si presentava con la tessera sanitaria di altri. Tra gli abusi possibili quello di sottoporre a tampone persone positive con più tessere sanitarie in diverse farmacie, per far emettere Green pass a nome di soggetti non immunizzati” con un successivo tampone negativo che attesta una finta guarigione.

Pignatelli spiega però che c’è stata la massima collaborazione da parte delle farmacie: “I punti tampone bloccati sono pochi, e non per ragioni dovute alla truffa dei falsi positivi”. Il servizio è stato deciso dopo l’aumento di casi di positivi che si sono presentati con il codice fiscale di amici e conoscenti no vax in modo da fare risultare anche loro positivi e successivamente guariti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lorenzo Parelli, parla la madre: “Mio figlio è uscito per andare a scuola e non è più tornato”

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 138.860 casi e 227 morti (2.419 da lunedì). La settimana: 53mila contagi in meno rispetto alla scorsa, calano del 70% i ricoveri

next