Nel corso delle ultime settimane Lenovo ci ha dato la possibilità di provare uno dei propri notebook da gaming più recenti, il Legion 5 Pro, in una configurazione di fascia alta che include una CPU AMD Ryzen7 5800H, una scheda video NVIDIA RTX3070, 16GB di RAM ed 1 SSD PCIe da 1TB di spazio.

Il Legion 5 Pro si presenta con un design che è la fusione tra le linee più aggressive dei portatili da gaming di Lenovo di qualche anno fa (inclusa la Y retroilluminata sul pannello superiore) e quelle “meno estreme” dei prodotti più recenti della gamma Legion, mostrandosi abbastanza solido grazie anche al rivestimento esterno in alluminio; la percezione di solidità offerta dal notebook da gaming del colosso asiatico è accresciuta ulteriormente sollevando lo schermo, con la rotazione affidata a cerniere in grado di offrire una grande fluidità di movimento senza far percepire cigolii o rumori preoccupanti.

Una volta aperto si nota subito la ridotta dimensione delle cornici che circondano lo schermo QHD+ da 16″, schermo che si è rivelato durante la nostra prova essere proprio uno dei punti forti del Legion 5 Pro: sia immersi nei mondi di gioco, che utilizzandolo per lavoro (anche grafico) o per guardare contenuti video, il display -che può vantare la certificazione X-Rite di Pantone- riesce a mostrare sempre immagini con un’alta qualità, un’ottima gamma di colori ed un’ottima fluidità. Nella cornice superiore trova posto una webcam HD che, vista la mancanza dello spazio necessario per integrare una slittina di copertura dell’obiettivo, può essere disattivata tramite un interruttore sul fianco del notebook che ne blocca l’alimentazione.

Sul versante prestazionale il Legion 5 Pro che abbiamo provato può venir tranquillamente classificato tra i “desktop replacement”, il tutto pesando poco più di 2,5kg, grazie all’hardware di alto livello. Giocando con titoli più recenti, come Forza Horizon 5 e Marvel’s Guardians of the Galaxy, alla massima risoluzione possibile del display integrato (2560×1600) e con settaggi “Ultra”, abbiamo ottenuto framerate medi sempre superiori ai 60fps; al contempo i 60 frame al secondo non sono sempre garantiti con i livelli di dettagli più alti qualora si scelga di attivare il Ray Tracing: ad esempio con Metro Exodus Enhanced Edition attivando la modalità RTX il framerate medio è calato verso i 45-50fps, ma in casi simili viene in nostro soccorso il DLSS, la tecnologia di NVIDIA che permette alla scheda video di effettuare il rendering ad una risoluzione più bassa – volgarmente, quindi eseguire operazioni meno “pesanti” – per poi tramite l’AI effettuare l’upscaling alla risoluzione reale richiesta dall’utente, riuscendo a portare il framerate medio con RTX attivo ad oltre 70fps.

Al contempo se impiegato in giochi tradizionalmente più leggeri, come i principali titoli “esport”, il notebook di Lenovo riesce a garantire framerate molto più elevati permettendo dunque di sfruttare a pieno il suo display a 165Hz. Ma le alte prestazioni dell’hardware del Lenovo Legion 5 Pro non sono limitate all’ambito “gaming”, infatti è possibile -come altri PC della medesima fascia- sfruttare tutta la potenza offerta dalla cpu octa-core (con 16thread) di AMD e dalla RTX3070 anche per applicazioni del cosiddetto ambito “creators”, potendo ad esempio velocizzare attività di video e photo editing e rendering 3D.

Il sistema di raffreddamento “CoolFront 3.0” equipaggiato nel Legion 5 Pro, composto da 2 ventole supportate da 4 “sfoghi” per portare all’esterno l’aria calda, è riuscito durante le nostre prove a mantenere sotto controllo le temperature del notebook, rimanendo abbastanza silenzioso se non durante operazioni che mettevano l’hardware sotto forte stress. Tramite i software preinstallati è possibile regolare il livello di prestazioni (anche optando per utilizzare sempre e solo la GPU Nvidia anche per task più leggeri), e dunque anche rumorosità e calore prodotto dal PC; Lenovo Q Control 4.0 ad esempio permette di scegliere tra tre livelli: “Auto”, che regola in base in modo automatico le prestazioni del PC per garantire il giusto equilibrio tra potenza e rumorosità, Performance, che permette l’utilizzo di tutta la potenza offerta dall’hardware, infine Silenzioso, che riduce le prestazioni limitando il calore prodotto e dunque l’utilizzo delle ventole, per il massimo della silenziosità.

Le impostazioni delle prestazioni influiscono anche sui consumi, rendendo dunque necessario fare molta attenzione quando si passa alla batteria: il notebook di Lenovo integra una batteria da 80Wh, più che sufficiente per garantire un’ora e mezza/due giocando non spingendo al massimo i settaggi, ed oltre 4-5ore d’uso per lavoro, navigazione e visione video se utilizzato in modalità “auto” (la durata aumenta ancora di più regolando opportunamente le opzioni di risparmio energetico), ma durante i nostri benchmark (usando i tool di PCMark) se lasciata attiva la modalità “performance” batteria si scarica dopo poco più di 2h di riproduzione video, ed un’oretta scarsa di gaming. Molto interessante il sistema di ricarica rapida, che permette di riportare la batteria al 50% in poco più di mezz’ora.

Durante le nostre prove abbiamo avuto una buona l’esperienza con la tastiera, sia nell’utilizzo in ambito gaming che per l’uso quotidiano, che attutendo l’impatto di “fine corsa” riduce l’affaticamento durante sessioni prolungate; buona anche l’esperienza data dall’ampio e reattivo touchpad. Sulla versione da noi provata era disponibile la retroilluminazione RGB dei tasti a 4 zone, non è una funzionalità “critica”, ma su un dispositivo di questa fascia ci saremmo aspettati un sistema più avanzato con illuminazione indipendente dei tasti.

Per quanto riguarda la connettività il Legion 5 Pro offre 4 porte USB 3.2 Gen1 (3 sul retro, una sul lato sinistro), 2 porte USB-C 3.2 Gen2 con supporto a Display Port 1.4 (una sul retro, l’altra sul lato destro), 1 porta Ethernet, 1 porta HDMI 2.1 ed una presa per jack da 3.5mm combinato microfono e cuffie, mentre sul versante wireless abbiamo il supporto a WiFi 6 e Bluetooth 5.1

Nel complesso siamo rimasti molto soddisfatti della nostra esperienza con il Lenovo Legion 5 Pro, riuscendo ad utilizzarlo senza problemi sia per lavoro sia per divertimento, grazie a prestazioni non lontane da quelle di un desktop di fascia alta. Sicuramente dato il peso congiunto del laptop e dell’alimentatore da 300W è superiore a quello raggiunto dai più comuni notebook da lavoro ed ultrabook, ma non eccessivo da renderlo non utilizzabile tutti i giorni. Il prezzo per la configurazione da noi provata si aggira tra i 2.100 ed i 2.200€, adeguato per la categoria, e che, in un periodo come quello attuale con carenze di componenti sul mercato, lo rende una buona alternativa anche ad un desktop da gioco.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Il Metaverso ha conseguenze epocali: nel turismo riscrive il concetto di ospitalità

next