“Più che lo sciopero, dividono l’evasione fiscale, la precarietà del lavoro”. Lo sostiene il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, intervenendo all’iniziativa di Sinistra italiana dedicato alle ragioni dello sciopero generale previsto per domani (rivedi la diretta integrale), organizzata insieme al segretario generale della Uil, Pierpaolo Bombardieri e al deputato Nicola Fratoianni. “Al di là di quelli che ci attaccano – ha aggiunto Landini – lo sciopero non è uno strumento che divide, in realtà è uno strumento di solidarietà che unisce. Unisce quelli che potrebbero anche non scioperare perché hanno condizioni positive e quelli che invece da soli non ce la fanno”. Quella dello sciopero generale “oltre che coraggiosa, è una scelta che conferma l’autonomia delle organizzazioni sindacali e la volontà di dare voce al lavoro”. È una manovra “espansiva ma l’espansione non va verso chi più ne ha bisogno“, ha ribadito Landini, rimarcando la richiesta di fare “una vera” riforma fiscale, di affrontare la “troppa precarietà” presente nel Paese, “il problema che riguarda le pensioni” e “l’assenza di politiche industriali”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, macchinista travolto da un treno: muore sul lavoro a poche settimane dalla pensione. Sindacati: “Chiarezza sull’incidente”

next
Articolo Successivo

Novara, “costretti a distribuire volantini per 17 ore al giorno”: 4 misure cautelari, “è la prima inchiesta sul caporalato in ambiente urbano”

next