Bosch prenderà parte al Consumer Electronics Show di Las Vegas che si svolgerà dal 4 all’8 gennaio 2022, illustrando diverse novità che toccano i temi della mobilità sostenibile, il benessere a bordo, la connettività e l’assistenza per i tecnici del settore.

Un primo riconoscimento per l’azienda tedesca arriva dal premio “Innovation Awards Honoree 2022” per la soluzione “Smart Connected Biking Solution”. Un sistema, quello ideato dalla multinazionale tedesca, che secondo gli intenti del produttore vorrebbe unire il reale, la guida di una e-bike, con il digitale. Come? Fornendo varie possibilità di monitoraggio e personalizzazione tramite più dispositivi: una app, un’interfaccia utente, un display a colori, una batteria ricaricabile e un’unità motore.

Bosch, inoltre, esporrà in fiera una show car che mostrerà le funzioni di un’automobile connessa alla rete. Questa, offrirà servizi basati su cloud, uno spazio di archiviazione personale sempre accessibile a patto di disporre di una connessione internet. Molti sono gli aiuti disponibili: a partire dall’avviso di guida contromano alla segnalazione delle condizioni stradali. Il colosso dell’automotive sta anche sviluppando dei computer centrali che saranno utilizzati per la guida assistita, autonoma e multimediale.

La vettura in esposizione a Las Vegas sarà equipaggiata dal Virtual Visor, un’aletta parasole digitale trasparente dotata di un display LCD. Tramite una telecamera interna, è in grado di rilevare la posizione degli occhi del conducente e, in presenza di una forte fonte luminosa, andrà ad oscurare solo lo sguardo del guidatore, il resto del display rimarrà trasparente lasciando libera la visuale della strada.

Tra le soluzioni basate sulla mobilità, l’Advanced Driving Module rappresenta un modulo che unisce componenti pre-integrate per le auto elettriche. Con l’adozione di un sistema di guida avanzato, Bosch mira a ridurre la complessità nello sviluppo di questo tipo di vetture. L’ADM unifica i singoli sistemi di powertrain, freno e sterzo in una rete che i produttori potranno integrare in modo veloce ed economico. Un altro aiuto arriva da Bosch per l’assistenza post-vendita: il TPA, Technician Process Assistant, un “tuttofare digitale” che agevolerà il lavoro dei tecnici nella manutenzione e riparazione dei veicoli: si tratta di un assistente vivavoce che funziona con tablet, PC e dispositivi indossabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen, l’ad Diess rimane ma con meno potere. 89 miliardi per elettriche e digitale

next
Articolo Successivo

Mercato auto Europa, un abisso senza fine: a novembre -17,5 per cento

next