Amazon si conferma regina dell’online, le donne leggono di più anche da bambine, i fumetti sono una lettura prevalentemente maschile. Queste in estrema sintesi le tendenze emerse dai dati presentati da AIE-Associazione Italiana Editori a Più Libri più Liberi, la Fiera nazionale della piccola e media editoria di Roma.

Iniziamo con l’e-commerce: ha fatto passi da gigante durante il lockdown ed ha continuato a progredire anche dopo. E non ne hanno tratto beneficio solo i grandi store. Se analizziamo i dati raccolti da Pepe Research e rielaborati dall’ufficio studi dell’AIE, vediamo che negli ultimi 12 mesi il 39% dei lettori ha acquistato da Amazon, il 7% da Ibs.it/laFeltrinelli, il 5% in altre librerie online, il 4% direttamente sui siti delle case editrici.

Quest’ultimo dato merita un’ulteriore riflessione: la crescita degli acquisti sui siti delle case editrici, pur su percentuali ancora piccole, è costante rispetto all’1% di marzo 2020, il 2% di maggio 2020, il 3% di ottobre 2020. Probabilmente questo fenomeno si spiega con la maggiore familiarità che gli italiani hanno acquisito nei mesi di pandemia rispetto all’e-commerce: sono 2,7 milioni le persone che hanno iniziato ad acquistare in rete e che prima non lo facevano, pari all’11% dei lettori. Oggi il 55% dei lettori ha comperato almeno una volta online negli ultimi dodici mesi. Al contrario, non hanno riscosso lo stesso successo le consegne a domicilio da parte delle librerie: dopo aver toccato un picco del 10% a maggio 2020 durante il lockdown, sono diminuite fino al 3% di settembre 2021.

Come e cosa leggono i bambini lo racconta la ricerca dell’AIE in collaborazione con il Centro per il Libro e la Lettura-CEPELL. Sono 5,9 milioni i giovani lettori in Italia (0-14 anni), vale a dire il 77% del totale e ognuno legge in modi molto diversi: il 72% legge libri a stampa (anche illustrati), il 10% e-book, il 2% audiolibri fisici, il 3% audiolibri su piattaforme, il 18% utilizza app educative e narrative, il 34% (nella fascia 0-4 anni) libri tattili.

Dietro questi numeri, però, si cela un andamento per età estremamente variabile: tra 0-3 anni i lettori sono il 77%, salgono al 93% nella fascia 4-6 anni per calare all’84% nella fascia 7-9 anni. Tra i 10 e i 14 anni scendono ancora verso il 65%, una discesa che continuerà poi per toccare il 51% nella fascia 15-17 anni che non è però oggetto di questa ricerca.

La media del 77% nasconde differenze anche nel genere: sono lettrici l’80% delle bambine contro il 75% dei bambini. Per quanto riguarda l’intensità di lettura, poco meno della metà (42%) legge tra 1 e tre libri l’anno, il 30% tra 4 e 6 libri, il 20% tra 7 e 11 libri, l’8% 12 o più libri. La stragrande maggioranza, il 69% legge solo libri a stampa o libri tattili mentre ben il 20% legge o ascolta anche in lingua straniera. Il 37%, inoltre, sceglie da sé cosa leggere.

Infine, sono quasi 9 milioni i lettori di fumetti in Italia. Soprattutto giovani, più maschi che femmine, gli amanti dei fumetti sono più in generale amanti della lettura anche in altre forme. È quanto emerge dalla ricerca “Chi è il lettore di fumetti in Italia?”, realizzata dall’Associazione Italiana Editori in collaborazione con ALDUS UP ed Eudicom (entrambi finanziati dalla Commissione Europea attraverso il programma Europa Creativa) e Lucca Comics&Games.

I livelli di lettura sono molto alti: la media dei fumetti letti ogni anno è di 17,5 (a stampa nuovi e usati e e-book) e ben il 64% della platea ne legge più di 7. Il digitale e l’usato giocano un ruolo molto forte: si affida anche agli e-book il 31% dei lettori di fumetti, e anche all’usato il 42%. Inoltre, chi legge i fumetti nell’83% dei casi legge anche narrativa, saggistica e altri generi (contro una media nazionale del 52%), legge e-book (48% contro media del 23%), ascolta audiolibri (27% contro 11%).

Insomma, da qualsiasi parte si analizzi, è evidente che l’e-book ha conquistato tutti i generi e tutta la platea dei lettori e che questo ha indubbiamente contribuito alla crescita dell’editoria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teatro San Carlo, quasi in contemporanea alla Prima della Scala in scena “I Fratelli De Filippo”. Presenti le istituzioni: Casellati, Fico e il sindaco Manfredi

next
Articolo Successivo

Enrico Caruso, un ritratto del tenore visto dagli amici: siamo tutti il frutto di incontri con altri

next