“Sono felicissima di questa notizia. Certo non è ancora l’assoluzione dalle accuse assurde del governo egiziano, ma la mobilitazione è servita, continuiamo a portarla avanti finché non sarà pienamente assolto e potrà tornare a Bologna”. Così la vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, Elly Schlein, a margine di alcuni incontri istituzionali UE a Bruxelles ha esultato per la notizia della scarcerazione di Patrick Zaki dopo 22 mesi di detenzione in Egitto. Fin dall’inizio Schlein è stata una delle promotrici della mobilitazione per la liberazione dello studente e ha partecipato a diverse manifestazioni organizzate a Bologna. “Continuiamo anche la battaglia per ottenere dal governo egiziano gli indirizzi degli agenti della National Security accusati di aver torturato e ucciso Giulio Regeni. Perché è necessario fare quel processo. Lo dobbiamo per restituire verità e giustizia alla famiglia, ma anche al nostro Paese perché ne va anche della dignità del nostro Paese nei confronti di un partner inaffidabile quale si è sempre dimostrato l’Egitto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cile, voto storico del Parlamento: approvato il matrimonio fra persone dello stesso sesso

next
Articolo Successivo

Patrick Zaki scarcerato: “Non dimenticherò mai le manifestazioni nelle piazze per chiedere il mio rilascio. Grazie, ora sono felice”

next