Il 7 dicembre a Milano non è solo la festa del patrono sant’Ambrogio ma è anche il giorno della prima della Scala. Un evento molto atteso dalla città che oggi ha visto in scena il Macbeth di Verdi. E da anni questo è ormai anche un appuntamento fisso per i manifestanti. Quest’anno, in una piazza della Scala blindata, in decine si sono riuniti per contestare la politica e la classe dirigente. C’erano i militanti della Confederazione Unitaria di Base per manifestare contro la politica economica del Governo e la Legge di bilancio e con loro anche una donna con il costume di drago (dinosauro per l’esattezza) per scimmiottare il presidente del Consiglio, Mario Draghi. “Gli ultimi saranno alla prima”, era il loro motto.

In piazza anche gli studenti del collettivo Cantiere che hanno improvvisato una passerella (con tanto di tappeto rosso), proprio mentre a pochi metri di distanza gli ospiti istituzionali e i vip entravano al teatro. A sfilare, per gli studenti, tanti cartelli a rappresentare le richieste di politiche più eque, solidali senza trascurare i temi del cambiamento climatico e del rispetto della natura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 15.756 nuovi casi e 99 morti. Oltre 6mila posti letto occupati nei reparti Covid e 776 in terapia intensiva: il doppio di un mese fa

next
Articolo Successivo

Natale, quanto costano (e chi paga) gli alberi delle grandi città? Dai 2 milioni dei privati a Milano, ai 170mila euro pubblici di Roma. E a Napoli c’è il bando Ue

next