Arrivano il 3 dicembre su Netflix gli ultimi cinque episodi del Volume 2 della quinta parte de ‘La Casa di Carta‘, una delle serie più di successo trasmesse dalla piattaforma. Saranno gli appuntamenti finali della serie ideata dallo showrunner spagnolo Alex Pina che, nel corso della conferenza stampa globale in streaming, spiega che il Volume 2 “è molto più ricco di emozioni” e che negli ultimi episodi “mettiamo insieme tutti i pezzi del puzzle“. Ma non sarà un addio definitivo: ‘La Casa di Carta‘ proseguirà nel 2023 con uno ‘spin-off’ che vedrà protagonista uno dei personaggi più amati, Berlino, interpretato nella fiction dall’attore Pedro Alonso. “Per capire la fine bisogna partire dall’inizio“, ha scritto in modo criptico Netflix sui social, postando immagini del personaggio e un messaggio in cui si dice che “l’universo de ‘La Casa di Carta‘ continua”.

Nei giorni scorsi è stato diffuso il trailer della parte 5 volume 2, e a giudicare dalle immagini sembra che i colpi di scena non mancheranno. Tra l’invasione dell’esercito nella famigerata Zecca di Stato, esplosioni, lacrime e tentativi estremi di tenere salva la pelle, la banda guidata dal Professore (Alvaro Morte) si prepara alle battute finali, conscia che servirà un miracolo per tenere in piedi gli equilibri sottilissimi cui si sono aggrappati fino ad ora. Manca un mese alla fine della rapina.

Solamente 30 giorni prima che il mondo scopra il destino del Professore (Alvaro Morte) e della sua banda. Tokyo (Ursula Corbero) è morta. Il nemico è ancora in agguato all’interno della Banca di Spagna, ferito ma pericoloso come sempre. Affrontando l’ora più buia e la più grande sfida, la banda escogita un piano audace per ottenere l’oro senza che nessuno se ne accorga. A peggiorare le cose, il Professore commette l’errore più grande della sua vita. Una serie che e’ stata tra le più popolari e viste della piattaforma, che si appresta a salutare il pubblico con un finale che in tanti si augurano all’altezza della saga. Il cast include: Alvaro Morte, Itziar Ituno, Pedro Alonso, Miguel Herran, Jaime Lorente, Esther Acebo, Enrique Arce, Darko Peric, Hovik Keuchkerian, Luka Peros, Bele’n Cuesta, Rodrigo de la Serna e Najwa Nimri, tra gli altri.

La serie, arrivata quattro anni fa su Netflix dopo un debutto ‘tiepido’ in fatto di ascolti sulla tv spagnola Antena 3, sulla piattaforma è stata quella in lingua non inglese più vista, battuta solo quest’anno da ‘Lupin‘ e ‘The Squid game‘. Adesso gli oltre 68 milioni di telespettatori potranno vedere finalmente quale sarà il destino della sorprendente banda di rapinatori, che indossano una divisa rossa e la maschera che riproduce Salvador Dalì come simbolo dell’identità spagnola, guidata dal Professore, interpretato dall’attore Alvaro Morte. Che sull’ultimo giorno di riprese dice: “È stato davvero emozionante, anche se ero sereno perché il più difficile addio alla serie è stato il primo quando, dopo le prime due parti, la serie sembrava essere finita”. Nel 2017 infatti Antena 3, visti i non eccezionali risultati di ascolto, pensava di chiuderla con la seconda stagione. L’arrivo di Netflix e di un budget più ampio hanno dato una spinta determinante al successo de ‘La Casa di Carta‘ con altre tre stagioni e un finale che, secondo gli autori, si annuncia “emozionante, con molti colpi di scena. Un crescendo fino all’ultimo episodio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Zerocalcare parla di ‘Strappare lungo i bordi’: “Avevo paura di perdere la mia identità. Il successo? Mancano serie che creano empatia”

next
Articolo Successivo

RaiUno interrompe il film ‘La stagione della caccia” prima della fine. Il regista furioso: “Porta a Porta sennò va troppo in là?”. Bruno Vespa: “Clamorosa malafede”

next