La campagna vaccinale anti-Covid è sostanzialmente “stabile”, ma “cresce il numero di persone con la terza dose“. In particolare, per i richiami, “gli over 80 hanno raggiunto il 30,4%. E per questa fascia di età è rilevante raggiungere e mantenere elevata la copertura immunitaria attraverso la terza dose”. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), nel suo intervento alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio Covid-19 della Cabina di regia. Brusaferro ha sottolineato anche che mancano ancora milioni di persone che a oggi non hanno fatto “neanche una dose” che rappresentano “la platea oggi a maggior rischio”.

Per quanto riguarda l’efficacia vaccinale, questa resta molto elevata “per ospedalizzazione e ricoveri in terapia intensiva”, mentre per quanto riguarda la diagnosi “soprattutto per le fasce d’età centrale” è un po’ più bassa e “vediamo che si abbassa significativamente a partire dal sesto mese” per questo è importante “aderire alla terza dose booster“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valle d’Aosta, sospese le visite nelle Rsa fino al 3 dicembre. Oggi primo decesso dopo 50 giorni

next
Articolo Successivo

No Vax, perquisiti 17 utenti della chat ‘Basta Dittatura’. La loro risposta: “Bisognerebbe lanciare bombe contro il Palazzo”

next