Nessun ripensamento in appello per Google. Il 10 novembre il tribunale generale dell’Unione Europea ha infatti bocciato il ricorso del colosso di Mountain View obbligando la società a pagare la multa da 2,4 miliardi di euro inflittagli dall’Antitrust comunitario nel 2017 con l’accusa di aver fatto concorrenza sleale a società minori specializzate in servizi di ricerche per acquisti online. Una decisione che conferma la linea dura adottata delle autorità di mezzo mondo nei confronti del gruppo guidato da Sundar Pichai, al centro di svariate altre cause dello stesso tipo.

I giudici del Lussemburgo hanno ritenuto che, al termine dell’indagine avviata nel 2010 a seguito delle denunce di TripAdvisor e Twenga, la Commissione Europea abbia “correttamente riscontrato effetti dannosi sulla concorrenza” come conseguenza della pratica attuata dal gruppo in 11 Stati membri tra cui anche l’Italia. In sintesi, la compagnia è stata ritenuta nuovamente responsabile di aver abusato della sua posizione dominante nel mercato dei motori di ricerca per favorire Google Shopping, il proprio servizio di acquisti comparativi, rispetto a quello della altre società, per anni declassati e relegati nella colonna dei risultati generici ogniqualvolta gli utenti si ritrovavano a digitare il nome di un prodotto. A differenza dell’accusa formulata inizialmente, tuttavia, il tribunale ha affermato che il danno prodotto dall’azienda non si estendeva al mercato delle ricerca in generale ma solo ad un suo specifico segmento e così l’ha salvata da una sanzione che avrebbe potuto essere ancora più salata.

“Gli annunci su Shopping aiutano le persone a trovare i prodotti ricercati in modo semplice e veloce, così come aiutano i commercianti a raggiungere potenziali clienti”, ha replicato la società. “Il giudizio di oggi, che esamineremo nel dettaglio, si riferisce a una serie di fatti molto specifici e già nel 2017 abbiamo apportato modifiche per ottemperare alla decisione della Commissione Europea”, ha aggiunto il gruppo. Che ha concluso: “Il nostro approccio ha funzionato con successo per più di tre anni, generando miliardi di clic per più di 700 servizi di shopping comparativo“. La partita tra Google e la titolare la commissaria alla concorrenza Ue Margrethe Vestager non è comunque ancora chiusa: l’azienda può ancora rivolgersi alla Corte di Giustizia per difendere la propria posizione.

La sanzione del 2017 è stata la prima di un trio di decisioni europee che costituiscono il fulcro del tentativo di frenare il crescente dominio dei colossi high tech. Negli anni successivi la Commissione Ue ha infatti multato Alphabet, la società madre di Google, per oltre 8,2 miliardi di euro in totale e sta tuttora indagando sul sospetto controllo esercitato dal gruppo sulla pubblicità digitale. Sempre di recente, la compagnia di Mountain View ha subito una multa da 177 milioni di euro in Sud Corea per le clausole con cui impediva ai produttori di installare versioni alternative del suo sistema operativo sui dispositivi e poco prima ha dovuto pagare altri 100 milioni in Italia per aver favorito Maps rispetto all’app Enel X nella ricerca di servizi per la ricarica dei veicoli elettrici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balneari, concessionari contro il Consiglio di Stato che obbliga alle gare: “Sconcertante”. E Salvini attacca “burocrati Ue e loro complici”

next
Articolo Successivo

Tim, rimandato il redde rationem sul piano di Gubitosi. Mentre l’Ue dà via libera a Cdp e Macquarie per il controllo su Open Fiber

next