I cittadini di San Marino vaccinati con il vaccino Sputnik saranno esentati dal Green pass fino al 31 dicembre. Lo ha deciso il Consiglio dei ministri nelle ore scorse, e lo ha comunicato in conferenza stampa per l’analisi dei dati del Monitoraggio settimanale al ministero della Salute.

San Marino intanto esprime “soddisfazione” per “l’intesa, raggiunta. “Un accordo”, spiega una nota del Congresso di Stato sanmarinese che “giunge dopo un importante lavoro politico-diplomatico svolto nelle settimane scorse dalle Segreterie di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale e per gli Affari Esteri, in particolar modo dai Segretari di Stato Roberto Ciavatta e Luca Beccari, con i paritetici funzionari del ministero della Salute e del ministero degli Affari Esteri italiano”. Nel dettaglio la misura introdotta integra e amplia “il suo campo di azione anche a tutti i luoghi di lavoro, pubblici o privati, che vedono impiegati i cittadini sammarinesi, oltre che ai mezzi di trasporto, scuole e università, strutture sanitarie, servizi legati alla cultura, allo sport e alle altre attività ludiche svolte su territorio italiano”. L’Istituto per la Sicurezza Sociale inoltre ha rivisto le tariffe e le modalità per l’esecuzione dei tamponi rapidi antigenici: da lunedì per i test è previsto un prezzo calmierato di 10 euro e sempre da lunedì sarà avviata in via sperimentale, in alcune farmacie, l’esecuzione di tamponi rapidi antigenici. “Permettetemi di esprimere grande soddisfazione per la risoluzione di questo caso – osserva Roberto Ciavatta, Segretario di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale – e di sottolineare, ancora una volta, la più ampia disponibilità da parte delle istituzioni e autorità sanitarie italiane a far fronte comune nella lotta alla pandemia”. Quella di oggi, evidenzia Luca Beccari, Segretario di Stato per gli Affari Esteri, “è un’ulteriore conferma che le relazioni e collaborazioni attive con lo Stato italiano, nostro principale partner anche nella lotta alla pandemia, sono particolarmente solide. Mi preme sottolineare che sono in corso intese tecniche per offrire facilitazioni alla mobilità fra i due territori, attraverso adeguati strumenti d’informazione e che abbiamo ottenuto rassicurazioni anche per gli ulteriori passaggi necessari alle scadenze pattuite”.

“Purtroppo Sputnik non è ancora all’interno di questa lista”, aveva fatto sapere il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, rispondendo a una domanda della stampa russa durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale Covid-19 della Cabina di Regia. “Però questo è un vaccino che è stato approvato non solo in Russia, ma anche in altri Paesi, tanto è vero che c’è stata una prima deroga per quanto riguarda i cittadini sammarinesi a cui era stato somministrato proprio Sputnik. Io credo che il problema di San Marino sia in via di soluzione, non so se definitiva o temporanea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No green pass, l’ex pugile Fabio Tuiach tenta di bloccare l’accesso al porto di Trieste e viene fermato dagli stessi portuali – Video

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 2.732 nuovi positivi e 42 morti. Effetto Green pass: oltre 500mila tamponi in 24 ore, mai così tanti

next