Il 17 ottobre si celebra la XXIX Giornata Mondiale di eradicazione della povertà che venne istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1992. In relazione e adesione alla Giornata Mondiale di eradicazione della povertà la Rete Nazionale dei Numeri Pari ha promosso per sabato 16 ottobre una mobilitazione nazionale per i diritti e la giustizia sociale.

Bastano alcuni dati per dare un senso alla Giornata e il manifesto che convoca la mobilitazione li elenca con precisione. In Italia sono 5,6 milioni le persone in povertà assoluta, 1,3 milioni sono minori. Sono, inoltre, 8 milioni le persone che vivono in povertà relativa: una persona su tre è a rischio esclusione sociale.

La corruzione e l’evasione fiscale continuano a crescere, la precarietà abitativa e quella nel lavoro sono gli assi centrali che contribuiscono strutturalmente alla crescita della povertà. Le disuguaglianze sempre più marcate e l’assenza di politiche sociali efficaci e innovative creano le condizioni – afferma la Rete dei Numeri Pari – affinché siano le mafie a fare grandi affari. In ampie aree dell’Italia il cosiddetto welfare sostitutivo mafioso rischia di essere oggi l’unica risposta nelle periferie, evocate durante le campagne elettorali ma evidentemente ancora poco conosciute da chi dovrebbe dare risposte.

In Italia il lavoro è sempre più povero e precario, crescono la dispersione scolastica e la precarietà abitativa. Come ha spiegato Walter De Cesaris, segretario nazionale Unione Inquilini, aderendo alla giornata di mobilitazione nazionale della Rete dei Numeri Pari, “l’abitare è uno degli ambiti maggiori dove si esprime la povertà e l’esclusione sociale. Gli sfratti per morosità continuano ad essere al 90% la principale motivazione di sfratto. L’Istat in un suo recente approfondimento ha reso noto che sono ben 866.000 le famiglie in affitto in povertà assoluta, ovvero il 18.1% delle famiglie in affitto, un dato che arriva a oltre il 25% nelle famiglie con minori”. La pandemia ha ampliato ulteriormente la crisi causata da insensate politiche di austerità.

La Rete dei Numeri Pari denuncia con forza come, nonostante un aumento senza precedenti di disuguaglianze e povertà nel nostro Paese, il governo continui a volgere lo sguardo da un’altra parte, privilegiando gli interessi di élite economiche che continuano ad arricchirsi in Italia. Senza il coinvolgimento delle realtà sociali i fondi del Pnrr non serviranno neanche a scalfire le disuguaglianze e a garantire equità sociale, né sostenibilità ambientale. Anzi, il rischio è che possano servire per arricchire la criminalità organizzata come evidenziato dalle procure antimafia.

Data la mancanza di ascolto del governo Draghi delle realtà sociali e dei movimenti impegnati a contrastare disuguaglianze, povertà e mafie, le realtà della Rete dei Numeri Pari scendono in piazza per i diritti e la giustizia sociale. Una mobilitazione, quella del 16 ottobre, in occasione della giornata mondiale per l’eliminazione della povertà, sostenuta da associazioni, cooperative sociali, sindacati, reti studentesche, centri antiviolenza, parrocchie, comitati di quartiere, circoli culturali, movimenti per il diritto all’abitare, scuole pubbliche, biblioteche popolari, centri di ricerca, presidi antimafia, progetti di mutualismo sociale, fabbriche recuperate, fattorie sociali impegnate da anni sui propri territori nel contrasto a disuguaglianze, povertà e mafie. Quelle realtà che durante il lockdown hanno sostenuto decine di migliaia di persone in difficoltà attraverso forme di mutualismo e solidarietà.

Saranno 10 le piazze che si mobilitano per i diritti e la giustizia sociale da Nord a Sud: Asti, Milano, Ravenna, Firenze, Roma, Salerno, Bari, Messina, Catania, Palermo.

A Roma le 105 realtà della Rete hanno convocato una conferenza stampa il 15 ottobre alle ore 12:00 in Piazza del Campidoglio e un’assemblea pubblica romana per venerdì 29 ottobre nel tardo pomeriggio in Piazza Vittorio. In Toscana i diversi nodi locali confluiranno a Campi Bisenzio (FI) davanti ai cancelli della Gkn insieme ai lavoratori e alle lavoratrici. A Milano si terrà un’assemblea presso i nuovi locali della fabbrica recuperata RiMaflow in Via Verri, un presidio importantissimo contro le mafie, per il diritto al lavoro e la giustizia sociale. In Puglia, l’appuntamento è in Piazza Carabellese nel quartiere Madonnella di Bari per una raccolta di alimenti e beni di prima necessità con le realtà impegnate attraverso il mutualismo a contrastare la povertà. A Palermo l’appuntamento è in Piazza Verdi dove il Laboratorio Zen e Emmaus Palermo porteranno contenuti, proposte e attività.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono Irene, ho 25 anni e da tutta la vita tento di diventare cittadina italiana. Ecco la mia storia

next
Articolo Successivo

Migranti, condannato il comandante della Asso 28: consegnò 101 persone alla guardia costiera libica. È la prima volta in Europa

next