Il Tribunale di Napoli ha condannato il comandante della nave Asso28 a un anno di reclusione perché, dopo aver soccorso 101 migranti, li ha consegnati alla guardia costiera libica. Tra di loro c’erano diversi minori e alcune donne in gravidanza. A scriverne è il quotidiano Avvenire: è la prima volta che in Europa si arriva a un verdetto di questo genere. La decisione è considerata come un’ulteriore conferma di come Tripoli non possa essere considerato un porto sicuro. Assolti, invece, sia il comandante che il rappresentante della compagnia di navigazione – l’Augusta– dall’accusa di abuso di ufficio. I magistrati, sottolinea il giornale, hanno potuto contare sulle indagini svolte dalla Capitaneria di porto di Napoli. Alcune registrazioni audio di conversazioni, ascoltate il 30 luglio 2018 dalla nave Open Arms e pubblicate da Avvenire, mettevano in luce alcune anomalie nella gestione del caso e furono acquisite dalla procura di Napoli.

Come si legge sul quotidiano guidato da Marco Tarquinio, a bordo della nave italiana durante la fase di trasferimento dei migranti verso Tripoli “era presente anche un rappresentante della guardia costiera libica che – insistevano fonti vicine alla compagnia di navigazione – presidia ogni piattaforma che opera nelle sue acque territoriali e ha gestito l’operazione di soccorso in totale autonomia”. È arrivato il commento del parlamentare Nicola Fratoianni, segretario nazionale di Sinistra Italiana: “Nel luglio 2018 ero a bordo della Open Arms e sono stato testimone diretto di quanto avvenne nelle acque del Mediterraneo centrale, quando un mercantile italiano, Asso 28, raccolse un centinaio di naufraghi, tra cui minori e donne incinte, e li riconsegnò alle autorità libiche. Oggi Avvenire dà la notizia che il comandante di quella nave è stato condannato dal tribunale di Napoli. Evidentemente la Libia non è un porto sicuro, ed affidare i naufraghi alla cosiddetta Guardia Costiera di quel Paese non è la scelta giusta, anzi probabilmente è un reato”. Nel corso dell’inchiesta giudiziaria Fratoianni è stato ascoltato come persona informata dei fatti. “I razzisti del nostro Paese”, prosegue il leader di SI, “possono inondare il web delle loro farneticazioni, possono diffondere l’odio e i pregiudizi, ma non possono cancellare le norme e le leggi a difesa degli esseri umani e della loro dignità. Sono contento di quanto ha stabilito la giustizia a Napoli: la solidarietà e l’umanità non sono un reato. Un precedente importante e significativo perché dice chiaramente che non si gioca con le vite delle persone. Lo sappiano tutti: gli armatori delle compagnie di navigazione, le varie Istituzioni italiane ed europee che devono, e spesso non lo fanno, tutelare i più deboli. E lo devono sapere anche i banditi della cosiddetta guardia costiera libica e i loro amici trafficanti”. La Asso 28 è un rimorchiatore di supporto alle piattaforme petrolifere attive al largo delle coste libiche. Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro tre mesi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Povertà, il governo smetta di voltare lo sguardo. Ecco perché sarò in piazza con la rete dei numeri pari

next