Filmare donne che urinano in un luogo pubblico e pubblicare i video sui siti porno non è reato. Almeno secondo il giudice del tribunale di Viveiro che ha archiviato il caso spagnolo conosciuto come “Maruxaina” perché i video, appunto, sono stati girati in strada e quindi, secondo la corte, senza violare la privacy di nessuno. La decisione ha sollevato le proteste in Spagna: la vicenda riguarda 80 donne e adolescenti, come riporta la Bbc, filmate a loro insaputa durante la festa Maruxiana che ogni anno si tiene a San Cibrao in Galizia del 2019. Le donne, avendo trovato una lunga coda ai bagni pubblici, si erano appartate in una strada laterale per urinare: lì alcune telecamere hanno ripreso la scena e i video sono finiti su siti porno a pagamento a loro insaputa.

Una “violenza sessuale”, come ha scritto su twitter dopo la sentenza la ministra delle Pari Opportunità, Irene Montero, che però per il giudice non costituisce reato perché, scrive la Bbc riportando le parole della corte “non vi era alcuna intenzione di violare la privacy o l’integrità fisica o morale” di nessuno. Dopo la decisione, migliaia di donne sono scese in piazza in tutto il Paese per chiedere giustizia e una legge che le tuteli, intanto l’associazione Mulleres en igualdade Burela, ha promesso che non si fermerà, portando avanti il ricorso, per “sapere chi sono i responsabili”, come riporta Repubblica, e arrivare alla cancellazione “di tutti i video”.

La vicenda giudiziaria è iniziata nel 2020, quando numerose vittime hanno scoperto su diversi siti porno che i loro volti e le immagini dei loro genitali circolavano liberamente online. Secondo Ana Garcia, riporta sempre la Bbc, dell’associazione Bumei, il caso potrebbe costituire un precedente perché, di fatto, lascia impuniti coloro che effettuano registrazioni senza il consenso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum cannabis, sono 4mila i Comuni in ritardo sulle certificazione delle firme. Roma e Torino i più lenti: l’elenco

next
Articolo Successivo

Un tappeto di colori invade Piazza Duomo: a Milano arrivano le coperte di Viva Vittoria contro la violenza sulle donne – FOTO

next