Nuovo rinvio dei pagamenti per l’Irap non versata. È quanto ha stabilito il Consiglio dei ministri tenutosi la mattina del 29 settembre a Palazzo Chigi. Una riunione in cui l’esecutivo, oltre a discutere sulla nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2021, ha dato il via libera alla posticipazione dei termini per saldare l’imposta regionale sulle attività produttive 2019 per chi l’anno scorso non l’ha corrisposta beneficiando dell’errata applicazione dell’esonero previsto nel decreto Rilancio: due i mesi concessi in più ai contribuenti, dal 30 settembre al 30 novembre.

Dopo la proroga prevista prima dal decreto Ristori e successivamente dal decreto Sostegni, il nuovo provvedimento del Governo punta dunque a differire ulteriormente il termine ultimo di pagamento. La decisione rientra nel più ampio quadro dell’approvazione del decreto legge contenente norme di giustizia e proroga della scadenza anche per la domanda di assegno unico e per il referendum cannabis. Secondo quanto trapelato, i ministri della Lega non hanno partecipato al voto sulla norma che riguarda quest’ultimo punto, esprimendo dissenso riguardo la scelta di spostare in avanti i termini per la presentazione delle firme.

Sempre in materia fiscale, insieme alle misure sull’Irap si attende di conoscere a quando sarà spostata la data ultima per il versamento della prima rata di acconto 2020 per le partite Iva che hanno superato il limite per gli aiuti di Stato e che quindi sono tenute a regolarizzare l’omesso pagamento senza l’applicazione di sanzioni e interessi, come previsto dal decreto Agosto n. 104/2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nadef, pil a +6% quest’anno. “Politica di bilancio espansiva fino al 2024 per recuperare la crescita mancata. Poi la stretta”. Tra i collegati alla manovra non c’è il salario minimo

next
Articolo Successivo

Perse la poltrona Ue per le figuracce sul Covid, l’ex commissario Hogan risorge lobbista. “Chiarire se ha preso anche due compensi”

next