La signora di 69 anni che si era vista rubare il Gratta e Vinci vincente acquistato a Napoli potrà finalmente riscuotere il premio da 500mila euro che le spetta. Il biglietto incriminato è stato infatti dissequestrato e di conseguenza il direttore generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli “ha incaricato immediatamente – fa sapere la stessa Agenzia – il dirigente dell’Ufficio Giochi numerici e Lotterie, Stefano Saracchi, di recarsi presso la Caserma dei Carabinieri di Latina per acquisire formalmente il tagliando all’Amministrazione e contestualmente autorizzare il concessionario Lotterie Nazionali Srl, all’avvio delle procedure per il pagamento del premio“.

Una buona notizia con la quale termina la vicenda che aveva visto coinvolta la donna di 69 anni che si era vista sottrarre il tagliando da mezzo milione di euro dal tabaccaio che glielo aveva venduto e che, individuato, era stato bloccato all’aeroporto di Fiumicino mentre cercava di imbarcarsi su un volo per le Canarie.

La Procura, ricorda l’Agenzia, ha infatti ribadito che “le indagini non lasciano dubbi in ordine alla riconducibilità di quanto in sequestro alla persona offesa”, pertanto l’anziana signora napoletana che aveva acquistato il biglietto potrà incassare quanto le spetta. Il direttore dell’Agenzia, Marcello Minenna, ha espresso “viva soddisfazione per l’evoluzione positiva della vicenda. La collaborazione istituzionale tra L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, i Carabinieri, e l’Autorità Giudiziaria nonché il concessionario Lotterie Nazionali Srl, ha prodotto un risultato eccellente e sono particolarmente felice per la signora napoletana, acquirente del biglietto, che in questi giorni è entrata nel cuore di tutti noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gimbe: “Scuola in presenza al 100% a rischio, classi già in quarantena. Il 6% del personale non vaccinato. Manca screening sistematico”

next