Walter Mazzarri torna in panchina dopo 19 mesi. Il tecnico toscano è il nuovo allenatore del Cagliari, che aveva esonerato Leonardo Semplici, e ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2024. Del suo staff faranno parte Claudio Bellucci, vice allenatore, Giuseppe Pondrelli, nelle vesti di preparatore atletico, il collaboratore tecnico Claudio Nitti e il match analyst Cristian Guerrini.

Nato a San Vincenzo (Livorno), il 1° ottobre 1961, Mazzarri ha esordito in Serie A come calciatore proprio con la maglia del Cagliari nel settembre 1982. Dopo le prime esperienze in panchina da vice allenatore a Bologna e Napoli, dal 1996 al 1999, ha guidato la Primavera degli emiliani per due stagioni, per poi iniziare ad allenare la prima squadra dell’Acireale (2001-02) e della Pistoiese (2002-03) in Serie C. Nel 2003-04 il salto nel campionato cadetto: con il Livorno ottiene subito la promozione in Serie A grazie al terzo posto finale. Nell’estate 2007 assume l’incarico di tecnico della Reggina: nelle prime due stagioni in Calabria conduce la squadra alla salvezza; nella terza conquista la permanenza in Serie A nonostante gli 11 punti di penalizzazione iniziali.

Nel 2007-08 passa sulla panchina della Sampdoria centrando il sesto posto e la qualificazione in Coppa Uefa. L’anno dopo i blucerchiati arrivano sino al terzo turno della competizione e approdano alla finale di Coppa Italia, persa solo ai rigori contro la Lazio. Dall’ottobre 2009 Mazzarri è l’allenatore del Napoli: conquista subito la qualificazione in Europa League e l’anno seguente porta i partenopei al terzo posto finale, un traguardo che vale il ritorno degli azzurri in Champions League dopo 21 anni.

La stagione successiva la squadra supera la fase a gironi ai danni di Manchester City e Villarreal, seconda dietro al Bayern Monaco, arrivando ad un passo dai quarti di finale. In campionato il Napoli arriva quinto, assicurandosi i play-off di Europa League. La perla della stagione è la vittoria della Coppa Italia conquistata contro la Juventus nella finale di Roma (2-0). L’anno successivo il tecnico toscano guida il gruppo al secondo posto in Serie A con 78 punti: nuova qualificazione diretta ai gironi di Champions.

Dal 2013 al 2014 Mazzarri è all’Inter: con lui in panchina alla sua prima stagione i nerazzurri si piazzano quinti e si qualificano per l’Europa League. Nel 2016 il trasferimento al Watford, in Premier League, con cui ottiene una salvezza tranquilla. Nel gennaio 2018 ritorna in Italia, alla guida del Torino, conducendo la squadra ad un buon nono posto finale. Nella stagione successiva i granata arriveranno settimi, partecipando poi ai preliminari di Europa League, dopo essere stati addirittura in lizza sino alle battute finali del campionato per un posto in Champions. Nei primi giorni del febbraio 2020, la separazione dal club e l’attesa di una nuova chiamata. La panchina 463 in Serie A sarà a Cagliari, dove tutto è iniziato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primi esoneri in Serie A dopo appena 3 partite: il Verona caccia Di Francesco, a Cagliari salta la panchina di Semplici. I rumors sui sostituti

next
Articolo Successivo

Ti ricordi… Ramon Diaz, il bomber triste e antipatico che fece sognare Inter (e Avellino) e arrabbiare Napoli e Firenze (e Maradona)

next