“Voglio solo qualcuno con cui comprare una casa, niente di serio”. Annunci di questo tipo si stanno moltiplicando su Tinder e le altre app per appuntamenti in Nuova Zelanda. Anzi, sarebbero addirittura più che raddoppiati nel 2021. Con l’aumento dei prezzi del mercato immobiliare, sono infatti sempre di più i giovani che cercano qualcuno con cui mettere in comune le proprie risorse economiche. Tanto più che le banche concedono più volentieri un mutuo alle coppie, piuttosto che ai single.

Più importante del Covid, del costo cibo e della criminalità, la casa è la preoccupazione numero uno per i giovani neozelandesi. Tanto che l’arcipelago ha uno dei mercati immobiliari più combattuti, ma allo stesso tempo meno economici del mondo. Per affrontare il problema, i potenziali acquirenti devono quindi rivolgersi a Tinder: il numero di utenti che affermano nel proprio profilo di cercare un partner per l’acquisto di una casa – secondo i dati forniti al quotidiano locale Stuff dalla famosa dating app – è cresciuto di 2,6 volte da giugno 2020 a giugno 2021.

Nella zona di Auckland – la più costosa – la media dei prezzi per un’abitazione è infatti di 1,2 milioni di dollari neozelandesi. Il resto del Paese però non se la cava meglio: più della metà delle persone che possiedono una casa – dicono i dati di Corelogic e Consumer NZ – se la dovesse riacquistare adesso non ci riuscirebbe. Il prezzo medio di una casa nel 2021 è infatti 900mila dollari neozelandesi, più del 22% rispetto allo scorso anno. Ma non è finita: per ottenere la somma tramite un mutuo, è necessario garantire alle banche un acconto di almeno il 20% del totale: in media quasi 182mila dollari, 34mila in più in confronto al 2020.

Il mercato immobiliare – già funestato da un decennio dalla carenza di materiali, accessibilità economica e normative sull’urbanistica limitanti – è in rapido peggioramento. Dunque, ai giovani neozelandesi non resta altro che unire le forze, anche se non proprio attraverso il romanticismo: “Sono un bravo ragazzo che sta cercando di sistemarsi e apparentemente è più facile farlo in due”, oppure “Cerco qualcuno a cui unire i guadagni per comprare in coppia”, o ancora “La banca mi ha detto di cercare qualcuno per acquistare una casa nuova”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Commercio, Istat: “A luglio vendite al dettaglio in aumento anno su anno. I piccoli negozi fanno meglio dell’e-commerce”

next
Articolo Successivo

Borse tutte in rosso, il crac della cinese Evergrande spaventa i mercati. Milano chiude a meno 2,5%. Giornata nera anche per il bitcoin

next