Nuovo presidio dei dipendenti Ita sotto la sede di Alitalia all’aeroporto di Fiumicino per protestare contro il piano aziendale. “C’è poco di positivo – dicono – Ita parte ma noi non ne facciamo parte“. “Ita non prende neanche in considerazione di fare un contratto nazionale” dice un altro lavoratore, “cosa che ti aspetteresti dal più becero dei privati e invece a farlo è una compagnia pubblica”. “Sono 60 anni che questa azienda è vittima della politica, ma a pagare sono sempre i dipendenti” dice un altro ancora. “Vogliamo aprire un nuovo tavolo di trattative con il governo, visto che Ita ieri è stata netta nel dire che la trattativa è chiusa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, la storia di Emanuela: “Ero cameriera in hotel, ma con la schiena non riesco più. Divano? Sono sempre in giro per trovare lavoro”

next
Articolo Successivo

Alitalia, cori e striscioni alla protesta dei lavoratori e dei sindacati a Roma: “Senza garanzie né diritti”. Landini: “Governo non stia alla finestra”

next