ASUSTOR è nata nel 2011 come filiale di Asus per fornire soluzioni di private cloud networking (NAS) e di videosorveglianza. Offre un’impressionante gamma di hardware che copre le necessità di un’ampia varietà di utenti: da quelli domestici, alle piccole imprese fino a rack NAS di medie dimensioni per i clienti più esigenti; i suoi ultimi prodotti sono rivolti soprattutto allo spazio Consumer Pro, cioè a quegli utenti che fanno un uso “casalingo” di questo tipo di prodotti ma vogliono qualcosa in più come un cloud personale su cui caricare backup e dati.

Esteticamente il Drivestor 2 Pro (AS3302T) si presenta in plastica lucida nera, in copertura alla gabbia in metallo che ospita due slot per hard disk fino a 18Tb di spazio l’uno, davvero tanto spazio per ogni tipo di esigenza; entrambi gli slot sono corredati da due slitte in plastica molto robuste ideali per Hard Disk da 3.5″, mentre per unità più piccole, come un SSD, sono fornite delle apposite viti per il fissaggio. In ogni caso il Nas non ha problemi con qualsiasi tipo di disco riconoscendo il modello immediatamente come memoria di archiviazione ( abbiamo provato con un SSD che abbiamo in redazione, oltre che con i due HD più capienti fornitici per la prova dal produttore, e non ha fatto una piega), in copertura del tutto troviamo un coperchio in plastica magnetico, che contribuisce al design del Nas, nascondendo gli slot per i dischi, rendendolo meno squadrato e sicuramente più appetibile all’uso casalingo.

Sul dispositivo di ASUSTOR trovano posto tre porte USB 3.0, una anteriore e due sul retro, che possono essere sfruttare sia per aumentare ulteriormente la capacità del Drivestor Pro che per collegare il NAS ad altre periferiche quali stampanti USB, potendo trasformarle in stampanti di rete, lettori ottici e schede WiFi. La porta frontale ha la comodissima funzione di riversare il contenuto dell’unità USB inserita direttamente nel Nas, particolarmente comodo per chi è abituato a salvare il proprio lavoro su chiavette varie e vuole poter fare il backup senza troppe complicazioni.

Dal punto di vista di temperature e rumore, sull’AS3302T trova posto una ventola da 70 mm che si occupa di raffreddare il tutto: durante la nostra prova non abbiamo notato minimamente problemi di surriscaldamento, soddisfacente anche dal punto di vista del rumore, quasi inesistente e ottimo con la funzione di spegnimento dei led durante le ore notturne, cosi da farlo “scomparire” totalmente nell’ambiente.

Il sistema operativo ADM 4.0 è enormemente migliorato rispetto al precedente, offrendo un’interfaccia molto più reattiva rispetto al passato, ma sulle prime può risultare un po’ macchinoso soprattutto per chi utilizza un Nas per la prima volta, con la volontà di utilizzarlo solo come mediacenter o per il backup.

La scelta dal punto di vista Software e servizi è enorme e copre tutti gli utilizzi che potreste desiderare da un Nas di questo tipo, sono quasi 150 le app disponibili per ogni tipo di esigenza tra cui le più classiche come Docker-ce, Plex, Drupal, Git, IDrive, WordPress, Apache, PostgreSQL, Python, Perl, PHP 7 e Twonky; sono presenti anche app dedicate alla sorveglianza e all’automazione della propria casa, rendendo cosi l’AS3302T un ottimo Nas per qualsiasi tipo di esigenza, sia che sia indirizzata al versante lavorativo che a quello prettamente casalingo.

È possibile tramite un’apposita app disponibile per Android ed iOS effettuare il backup dei propri file direttamente da smartphone e tablet verso l’AS3302T – ovviamente a patto di essere connessi alla stessa rete casalinga o aver configurato il NAS per l’accesso dall’esterno – cosa che diventa particolarmente utile ad esempio in un periodo come questo in cui i servizi che permettevano il backup delle proprie foto su Cloud, come Google Foto, stanno limitando lo spazio d’archiviazione gratuito disponibile. La medesima applicazione permette inoltre di accedere ai contenuti presenti nel proprio “cloud privato” e scaricarli sul proprio device o condividerli con terzi.

Asustor ha fatto un salto in avanti rispetto alla concorrenza dando ai propri clienti una varietà di scelte e campi d’utilizzo molto più elevata rispetto ai principali concorrenti come QNAP e Synology. Non di secondaria importanza poi la scelta di implementare una porta ethernet da 2,5 Gbps, tramite il più comune connettore RJ45, dimostrando quanto questo Nas sia progettato verso utilizzi si di backup veloci ma anche misti, e che per ciò richiedono un flusso di dati maggiore e costante.

In definitiva il Drivestor 2 Pro è un ottimo prodotto, che permette una scelta incredibile di funzionalità accoppiato a uno storage ampio e a una velocità di scrittura dati altissima, c’è ancora qualche piccola sbavatura da correggere per semplificarne l’uso, ma la strada tracciata da Asustor è decisamente quella giusta. Per i più esigenti in termini di spazio ( o ridondanza dei dati) è disponibile anche una variante del NAS con spazio per 4 dischi, il Drivestor 4 Pro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oppo A94, smartphone di fascia media ai migliori prezzi del Web

next
Articolo Successivo

Galaxy S21 FE, il nuovo smartphone rivelato per errore da Samsung e Google?

next