Durante il suo intervento al Meeting di Rimini, il Commissario europeo per gli Affari economici, Paolo Gentiloni, ha commentato l’attacco al decreto Orlando-Todde, sferrato dallo stesso palco di Rimini soli pochi fa dal presidente di Confindustria Carlo Bonomi. Bonomi aveva detto che il decreto sulle delocalizzazioni che stanno preparando il ministro del Lavoro e la viceministra dello Sviluppo Alessandra Todde sarebbe addirittura punitivo per le imprese. Parole che Gentiloni non ha condiviso. “Non ho apprezzato molto i toni di eccessiva polemica contro il governo: in questo momento serve meno polemica e più lavoro comune. Ho trovato quegli attacchi fuori luogo”, ha detto l’ex presidente del Consiglio, aggiungendo però come sia “legittimo chiedere” una svolta sul tema del lavoro. Contestando l’approccio “feudale di vivere il lavoro” da parte delle imprese “che licenziano con un whatsapp”, Gentiloni riconosce però che “non risolviamo il problema” delle fughe all’estero “congelando quello che c’è ma attraendo investimenti” e quindi varando le riforme e migliorando “tutto quello che ci separa da una economia più competitiva”. “È così che si risolve il problema del lavoro”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dal bonus occhiali e auto elettriche al kit digitalizzazione: gli incentivi annunciati restano sulla carta. Mancano i decreti attuativi

next
Articolo Successivo

Elezioni Germania, la patrimoniale non è un tabù: la Spd che supera la Cdu nei sondaggi l’ha inserita nel programma. I Verdi d’accordo

next