Elisabetta Trenta si candida alle suppletive per la Camera dei deputati. L’ex ministra alla Difesa del Governo Conte 1 annuncia la sua candidatura per il seggio lasciato libero da Emanuela del Re, eletta coi 5 stelle e poi nominata rappresentante speciale dell’Ue per il Sahel.

Anche Trenta era un’esponente dei 5 stelle, lasciati nel giugno scorso per aderire a Italia dei valori. La scelta dell’ex ministra di candidarsi è legata, come si legge in una nota, “dalla volontà di continuare a battersi per gli ideali che hanno da sempre animato la sua carriera politica iniziata come attivista del Movimento a 5 Stelle, ed ora in continuità con la volontà di riaffermarli nella realtà politica, da qualche mese con l’Italia dei Valori”.

L’ex ministra correrà alle elezioni suppletive nel seggio uninominale del collegio di Primavalle, con una lista rappresentata dal simbolo che ha come slogan: ‘Noi-Nuovi Orizzonti per l’Italia’. “In questo simbolo, sono raccolte tutte le idee e i pensieri di tutti coloro che non si riconoscono più nelle continue metamorfosi involutive registrate da diversi movimenti e partiti politici nazionali che tanti elettori tendono ad abbandonare. Nelle scorse settimane ad annunciare la candidatura per lo stesso seggio era stato l’ex pm di Roma ed ex consigliere del Csm Luca Palamara, radiato dalla magistratura e rinviato a giudizio il mese scorso per corruzione a Perugia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Lamorgese: “Finora accolti 228 collaboratori, ma la situazione comporterà un’accelerazione” – Video

next
Articolo Successivo

Afghanistan – Da Boschi a Calenda, polemica contro Di Maio in spiaggia a Ferragosto

next