Aggressione omofoba ad Anzio, vicino Roma. Vittima un 22enne che stava passeggiando con il compagno vicino a uno stabilimento balneare. Ha riportato qualche contusione ed è stato invitato a presentare denuncia. Stando alle prime ricostruzioni, la coppia ha incontrato un coetaneo che prima ha offeso il ragazzo e poi lo ha colpito con un pugno in faccia. L’aggressore è un 23enne romano.

Sulla vicenda è intervenuto l’Arcigay di Roma: “La nostra solidarietà al ragazzo aggredito per omofobia ad Anzio”, ha sottolineato il presidente Francesco Angeli. “Un episodio che fa riflettere ancora una volta su quanto il nostro Paese sia culturalmente e legalmente indietro sul tema omofobia“. Angeli ha poi aggiunto: “Ci auguriamo che le indagini possano al più presto individuare l’aggressore”. Angeli ha inoltre sottolineato che Arcigay è disponibile a “offrire supporto legale al ragazzo vittima dell’aggressione”.

Si tratta dell’aggressione più recente fra quelle con carattere omofobo segnalate negli ultimi mesi. Tra le più recenti una subita a fine febbraio da un attivista che era con il compagno all’interno della stazione metropolitana – fermata Valle Aurelia – di Roma. Grazie a un video girato con il cellulare, che nei giorni successivi ha fatto il giro del web, il presunto responsabile è stato stato identificato e denunciato. Il 31enne romano è stato riconosciuto dagli agenti della polaria di Venezia che lo avevano identificato proprio quel giorno all’interno dell’aeroporto a causa di una lite con un’altra passeggera.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia legale, il Vaticano attacca: “Nuova forma di eugenetica”, Cappato: “No, è un diritto sacrosanto. Non c’è obbligo di scelta”

next
Articolo Successivo

Enac multa Ryanair: “Continua a imporre sovrapprezzo per dare ai loro accompagnatori un posto vicino a un minore o disabile”

next