Un base jumper è morto schiantandosi al suolo dopo essersi lanciato con la tuta alare dalla cima del Framont, nel Bellunese. Il suo amico, compagno di lancio, ha atteso invano a Listolade, dove era atterrato, per mezz’ora. Ma non vedendolo arrivare ha attivato i soccorsi chiamando il Suem, il servizio sanitario di urgenza e emergenza, attorno alle 10,30 di giovedì 12 agosto.

L’elicottero, dopo aver imbarcato un tecnico del soccorso alpino di Agordo, in supporto alle operazioni, ha sorvolato l’area della probabile traiettoria di volo dopo il lancio, individuato il corpo del base jumper in un canalone ai piedi della parete verticale. I sanitari, il tecnico dell’elisoccorso, un medico e un soccorritore, si sono calati con un verricello, ma per l’uomo non c’era più nulla da fare e hanno così dovuto constatare il decesso. Al momento non sono note le generalità.

Dopo il via libera della magistratura, i soccorsi hanno recuperato la salma, trasportandola a valle, dove attendevano i carabinieri e il carro funebre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Violenza contro le donne, due femminicidi e un omicidio-suicidio in poche ore da Grosseto a Pavia. Gli assassini si sono costituiti

next
Articolo Successivo

Brescia, l’autopsia conferma: è di Laura Ziliani il cadavere ritrovato nel torrente a Temù

next