Vaccini sold out a Ostia. Le inoculazione in spiaggia hanno attirato sia i ragazzi sia gli adulti. “Sono numeri veramente alti, in un giorno abbiamo avuto circa 110 persone tra vaccinati e liste d’attesa“, racconta Tonino Ricci, presidente della pro loco Ostia Mare di Roma. L’iniziativa in collaborazione con l’Asl Roma 3 è partita a fine luglio dopo che la pro loco aveva promosso il territorio con un’iniziativa dedicata al gelato “birra-caffè”, a cui si è pensato successivamente di abbinare la campagna vaccinale.

Tra gli utenti molti studenti fuori sede rimasti senza una dosa a causa delle difficoltà di prenotazione. “Abbiamo il più giovane di 16 anni e il più anziano di 54 anni”, spiega la dottoressa Maria Rita Noviello dell’Asl Roma3. “C’è una grande partecipazione dei ragazzi e la motivazione è quella del green pass, ma non fa niente. Qualunque sia la motivazione, procurarsi salute fa sempre bene”. La dottoressa ha sottolineato anche la presenza di tanti lavoratori della ristorazione e bagnini.

Infine, ad aiutare nel servizio di accoglienza, oltre all’associazione nazionale carabinieri, anche l’associazione oncologica L’albero delle molte vite. Da loro il messaggio più forte: “Fare il vaccino ci serve per riprendere a vivere e a fare prevenzione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pochi controlli, boom di turisti e ultimi nei vaccini: ecco perché la Sicilia è la peggiore regione per contagi. Pd e M5s all’attacco di Musumeci: “Tutto come un anno fa”

next
Articolo Successivo

La richiesta dei pediatri: “Bisogna vaccinare gli adolescenti, rappresentano serbatoio di diffusione dell’infezione”

next