L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per oltre 11 milioni di euro Poste Italiane per abuso di dipendenza economica. L’Antitrust ha riscontrato irregolarità in alcuni contratti stipulati con Soluzioni Srl, una società che per molti anni ha svolto, per conto di Poste Italiane, il servizio di distribuzione e raccolta di corrispondenza nella città di Napoli. In particolare, si legge nel comunicato dell’Autorità, a far scattare la sanzione sarebbero state le “clausole ingiustificatamente gravose nei contratti sottoscritti nel 2012 e nel 2013, e vigenti fino al mese di giugno 2017″.

Sempre secondo l’Autorità, oltre le condizioni contrattuali gravose Poste Italiane “ha tenuto condotte abusive che hanno prodotto un consistente squilibrio nel rapporto negoziale con Soluzioni” quali il divieto di trasporto e consegna congiunti dei prodotti di Poste Italiane e quelli di terzi. I contratti scorretti permettevano inoltre a Poste di ridurre, a proprio piacimento, i quantitativi minimi e di modificare la tipologia dei prodotti, e costringevano Soluzioni “a svolgere prestazioni aggiuntive non previste dal contratto, peraltro non retribuite”. Secondo l’Antitrust, dunque, “Poste Italiane ha ostacolato il corretto svolgimento del gioco concorrenziale nel mercato di riferimento”, perché con la sua condotta abusiva “ha escluso un operatore” che avrebbe potuto sia “prestare la propria attività a favore di operatori postali alternativi” sia “costituire un potenziale vincolo concorrenziale a livello locale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ugo de Carolis ritira la propria disponibilità a diventare nuovo amministratore delegato di Anas: “Troppe polemiche politiche”

next